NanoPress

Previsioni Meteo Inverno 2014 – 2015

Nel seguente articolo proveremo a tracciare una linea di tendenza sull’andamento meteo dell‘Inverno 20142015, ricordando che si tratta esclusivamente di un proiezione e non di una previsione, quindi che necessita di ulteriori aggiornamenti nel corso dei prossimi mesi.

Per effettuare tale tendenza analizzeremo il modello CFS, presso l’NCEP, l’unico modello climatologico in grado di spingersi a tali distanze temporali.

Meteo Inverno 2014-2015, aggiornamento del 15 Gennaio 2015 – secondo le emissioni dei principali modelli climatici e degli indici teleconnettivi, il campo barico potrebbe avere durante il trimestre invernali pesanti anomalie positive posizionato sull’Atlantico alle alte latitudini. Mentre sul Mediterraneo e l’Europa, anomalie negative anche marcate, farebbero pensare a possibili incursioni di aria fredda da Nord-Est.

Anomalie di temperatura per l'Inverno 2014-2015

Anomalie di temperatura per l’Inverno 2014-2015

Anomalie negative di geopotenziale su Atlantico ed Europa Settentrionale durante il prossimo trimestre freddo. La stagione invernale potrebbe essere caratterizzata da anticicloni, anche forti, in sede Oceanica e a tratti su Europa Settentrionale con possibili congiungimenti tra i due soprattutto verso la fine dell’inverno, basse pressioni sull’Atlantico in scorrimento alle latitudini più alte e con saccature in discesa verso l’Europa Orientale. Le precipitazioni risulteranno piuttosto abbondanti sull’Europa Centro-Orientale, mentre le temperature potrebbero risultare nel complesso in media soprattutto sull’Europa Centro-Occidentale e sul Mediterraneo.

Stagione invernale 2014-2015 sull’Italia che risulterà leggermente più fredda rispetto la norma. Possibile generale sotto media pluviometrico su tutta l’Italia Settentrionale, complice le frequenti fasi anticicloniche del mese di Gennaio, anche se non mancheranno impulsi Nord Europei nel mese di Dicembre ed in quello di Febbraio, con nevicate abbondanti sui settori montuosi fino a quote medio-basse al Centro-Nord. Vediamo nel dettaglio l’andamento mensile:

Mese di Dicembre 2014 in Italia che ha esordito con infiltrazioni di masse d’aria fresche dall’Europa Nord-Orientale, seguite dal cedimento del campo barico da Ovest. Ultima parte del mese di Dicembre che potrebbe far osservare un indebolimento delle anomalie negative sull’Atlantico settentrionale con gli impulsi di aria Nord-Atlantica o Artica che riusciranno a raggiungere anche l’Italia, con il ritorno a condizioni meteo più invernali. Temperature attese superiori alla norma, specie al Centro-Sud ma in calo nell’ultima decade del mese.

Anomalie di precipitazione per l'Inverno 2014-2015

Anomalie di precipitazione per l’Inverno 2014-2015

Mese di Gennaio 2015 che è stato caratterizzato da un prima metà dominata dall’Anticiclone con flusso zonale rimasto relegato alle alte latitudini. Seconda metà più movimentata per una posizione dell’anticiclone delle Azzorre sul Medio Atlantico, con possibile apporto di masse d’aria artiche nella seconda metà del mese. Neve al Centro-Nord occasionalmente a bassa quota. Ultimi giorni del mese che vedranno un ulteriore rallentamento del Vortice Polare, con maggiori possibilità di un contributo delle fredde correnti artiche su parte dell’Italia. Neve che si spingerà anche sull’Appennino centro-settentrionale occasionalmente fino a quote collinari durante l’ultima parte del mese. Temperature intorno alle medie, complice una seconda metà del mese più fresca.

Mese di Febbraio 2015 che potrebbe risultare piuttosto anomalo con temperature inferiori alla norma, specie al Centro-Nord, mentre abbondanti piogge interesseranno il Sud nella prima parte del mese. Considerando la possibile formazione di un campo anticiclonico di origine termica sul comparto Russo-Siberiano, non sono da escludersi forti ondate di gelo soprattutto sull’Europa Orientale.

La neve: le irruzioni fredde sull’Italia potranno risultare particolarmente intense visto la possibilità che l’aria sia di matrice continentale, tuttavia non dovrebbero essere molto frequenti. Nevicate abbondanti sulle Alpi, soprattutto versanti esteri, ed Appennino centro-settentrionale fino a quote collinari al Nord specie tra la terza decade del mese di Dicembre ed il mese di Gennaio. Non mancheranno occasioni per nevicate fino al piano al Nord Italia, specie settori di Nordovest. Meno esposte sembrerebbero al momento il Sud e le basse aree del Centro tirrenico, dove tuttavia le maggiori possibilità per delle nevicate potrebbero essere attorno la terza decade del mese di Gennaio.