Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 15 Ottobre
Scarica la nostra app

ANNAPURNA: Morto in ospedale l’alpinista Malesyano Chin salvato sull’ Annapurna la settimana scorsa

ANNAPURNA: è morto in ospedale l’alpinista Malesyano Chin. Il Racconto del Salvataggio

ANNAPURNA: Morto in ospedale l’alpinista Malesyano Chin, foto: Facebook Seven summit trek
1 di 3
  • ANNAPURNA: Morto in ospedale l’alpinista Malesyano Chin

    Non ce l’ha fatta Chin Wui Kin, lo scalatore Malesiano che è stato salvato la settimana scorsa dall’Annapurna dopo aver passato due notti all’addiaccio a 7500m di altezza. Aveva gravi problemi cardiaci e respiratori che non sono stati risolti. Lo annuncia un suo amico di famiglia con questo post  “Chin Wui Kin continua il suo viaggio verso un posto migliore stamattina.” L’alpinista Maleysiano era stato trasferito a Singapore con un Eliambulanza pagata dalla moglie. Negli ultimi giorni erano gravi i suoi sintomi cardiaci (bassa frequenza cardiaca e temperatura corporea) dovuto alla lunga esposizione all’alta quota. Doveva subire anche amputazioni per via dei congelamenti.

    Il Racconto del Salvataggio di Nirmal Purja

    Ecco cosa aveva dichiarato lo scalatore Nirmal Purja che aveva effeuttuato il salvataggio:
    “I danni e ii rischi per la vita di Dr Chin potrebbero essere stati evitati, se la compagnia di assicurazioni di emergenza avesse agito più rapidamente. Se non sei disposto ad agire nel punto di emergenza, perché vendere il servizio in primo luogo? Sono molto arrabbiato con la compagnia di salvataggio di cui il dott. Chin era cliente.

    L’Annapurna è uno dei picchi più difficili da scalare

    Rammentiamo che l’ Annapurna 1 non è l’Everest o altri 8000. È uno dei picchi più pericolosi e difficili di 8000m da scalare. Come leader delle linee di ancoraggio / corde su questa montagna, non avevo dormito per giorni durante il summit, perché dovevamo partire presto, in modo che le corde e le piste siano fatte prima che la squadra principale si impegni. Quasi tutti gli alpinisti della stagione hanno pensato che fosse impossibile raggiungere la vetta dell’Annapurna a causa delle condizioni della neve. Dopo aver saputo che il dottor Chin era scomparso, ho tenuto la mia squadra e alcuni dei membri più forti della spedizione per il soccorso del dott. Chin al campo 4 (tra cui Don Bowie ndr). Stavamo aspettando che l’ossigeno venisse consegnato in elicottero per poter iniziare a cercarlosulle montagne. (questo è tutto quello che la sua compagnia di assicurazioni ha dovuto fare, basta far cadere 6 bottiglie di ossigeno al campo 4 dove ero in standby con la mia squadra di soccorso).

  • La compagnia di salvatagio ha negato l’aiuto di emergenza

    Mi è stato detto che la compagnia di salvataggio ha negato l’aiuto di emergenza e non potevo più tenere la mia squadra in altitudine estrema rischiando la vita. Sono stato l’ultimo a lasciare il campo 4 e avevo pensato che forse era ormai morto su quelle piste pericolose. Sono arrivato al campo base con la mia squadra molto tardi quella notte. La mattina dopo, ho sentito un elicottero che è andato su e mi è stato detto che il signor Chin era vivo. Sua moglie ha pagato l’elicottero per andare e confermare. Dopo aver dormito per solo 4 ore, il team Project Possible 14/7 (@nimsdai, @mingma_david_sherpa @ galjen_s2009 @gesmantamang) è stato attivato per la missione di salvataggio. Ci sono volute 16 ore per arrivare alla posizione di Dr Chin sulla cima del campo 3, coprendo la stessa distanza in 4 ore in questa situazione di emergenza.

    Alla fine è statao portato al campo 3

    Alla fine lo abbiamo portato al campo 3, da dove è stato messo su l’elicottero con una long line. La sua vita è ancora in pericolo e, anche se sopravvive, potrebbe perdere mani e piedi. Questo poteva essere facilmente evitato. L’assicurazione Global Rescue, ha dichiarato che ai sensi del contratto non effettua opere di ricerca ma solo di salvataggio.

  • Non buone neanche le condizioni del suo sherpa. Aperto un crowfounding.

    Non in buone condizioni neanche Nima Tshering Sherpa (29anni) lo sherpa di Mr. Chin che si è sacrificato aspettando fino al possibile il suo cliente caricandosi dei sui pesi e a cui ha dato pure il suo ossigeno. Ha subito dei congelamenti ed un problema al collo. E’ stata aperta una raccolta fondi per le sue cure mediche.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: