Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app

Almeno il 50 per cento dei buchi neri hanno una massa superiore alle previsioni: la scoperta degli astronomi

Le dimensioni di un buco nero che si trova all'interno del sistema Cygnus x-1 sarebbero pari a 21 volte la massa del Sole

Almeno il 50 per cento dei buchi neri hanno una massa superiore alle previsioni: la scoperta degli astronomi
Immagine archivio - Foto PixaBay
1 di 2
  • Ecco le nuove scoperte che riguardano le dimensioni dei buchi neri

    Gli astronomi hanno revisionato i loro studi sul primissimo buco nero di dimensione quasi stellare che è mai stato identificato, scoprendo che è almeno il 50% più massiccio di quanto si pensava. Questo corpo celeste si trova nel sistema Cygnus X-1 binario e emittente nei raggi-x, stimato adesso come avente una massa di 21 volte quella del nostro Sole. Questo lo rende il più grosso buco nero in questa categoria mai rilevato senza utilizzare le onde gravitazionali e ha portato i fisici a ripensare da zero le teorie sulla sua formazione. Leggi anche Il Rover Perseverance è atterrato su Marte alla ricerca di tracce di vita.

    Una vecchia scoperta e nuove sorprese

    Cygnus X-1 è stato scoperto nel 1964 e identificato come una sorgente raggi-x. Grazie agli studi di astrofisici come Kip Thorne e Stephen Hawking è poi stato identificato come un buco nero. Dopo diversi studi si è stabilito che l’emissione nei raggi-x sia è legata al fatto che il corpo si trova in un sistema binario con una stella. Per molto tempo è stato il buco nero più studiato in assoluto, un oggetto che si riteneva essere a circa 6.070 anni luce dalla Terra, con appena 14.8 masse solari e una stella compagna binaria supergigante, catalogata come HDE 226868, stimata in 24 masse solari.

    Nuove crepe in una vecchia teoria

    Dagli ultimi studi effettuati con il Very Long Baseline Array, un sistema di telescopi enorme con uno specchio virtuale grande quanto un continente, si è scoperto che con tutta probabilità il sistema binario è più distante di quanto era stato calcolato e di conseguenza più massiccio. L’astronomo James Miller Jones dell’International Centre for Radio Astronomy Research in Australial, l’ICRAR ha riportato come la distanza stimata sia di più di 7.000 anni luce dalla Terra il che riporterebbe il buco nero ad almeno 20 masse solari. Il ricalcolo delle dimensioni, senza utilizzare le onde gravitazionali, apre nuove teorie sulla formazione dei buchi neri.

  • Cosa dicono i nuovi modelli

    Prima di questo anche M33 X-7 da 15.65 masse solari aveva già messo alla prova i modelli di formazione attualmente in uso. Secondo i nuovi modelli una stella massiccia collassa in un buco nero perdendo massa più lentamente del previsto. Il precursore di Cygnus X-1 doveva avere 60 volte le dimensioni del Sole ed è collassato allo stato attuale senza passare attraverso la fase di supernova. Questo buco nero si trova a una distanza incredibilmente bassa dalla sua compagna, attorno a cui orbita in 5.6 giorni, ma nonostante la vicinanza, il corpi celesti non si fonderanno prima di 13.8 miliardi di anni, in base ai modelli attuali.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per importanti siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia passione innata per il giornalismo.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia