Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 6 Giugno
Scarica la nostra app

Astronomi italiani individuano la presenza di Proxima C, una super-Terra vicina al nostro pianeta

Orbita attorno a Proxima Centauri il nuovo pianeta scoperto da astronomi italiani: ecco le caratteristiche di questo pianeta

proxima centauri
Individuato un nuovo pianeta che orbita attorno a Proxima Centauri (Foto archivio)
1 di 2
  • Scoperta da astronomi italiani una nuova super-Terra che orbita attorno a Proxima Centauri, la stella più vicina alla Terra

    Secondo quanto si apprende dal sito Sciencealert, gli astronomi avrebbero individuato dei nuovi segnali che rivelerebbero l’esistenza di un altro pianeta a Proxima Centauri. Proxima Centauri è la nostra stella più vicina, distante ‘solo’ 4,2 anni luce. Questa stella orbita attorno a un pianeta che potenzialmente potrebbe ospitare la vita umana: il Proxima b.

    Proxima C è il nome del pianeta individuato

    Ma in un nuovo studio, i ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica italiano hanno rilevato alcuni cambiamenti significativi nell’attività della stella che preluderebbero proprio all’esistenza di un altro pianeta. Secondo lo studio pubblicato mercoledì sulla rivista Science Advances, questo pianeta sarebbe già stato ‘battezzato’ con il nome Proxima C. Si tratterebbe, secondo le prime indiscrezioni che trapelano da questo studio, di un pianeta con una massa più grande della Terra ma più piccolo di Nettuno.

    E’ un pianeta non adatto ad ospitare la vita umana per le basse temperature

    Proxima Centauri è la stella più vicina al sole e questa rilevazione lo renderebbe il sistema planetario più vicino a noi” sono state le parole dell’astronomo Mario Damasso, autore principale dell studio rilasciate a Business Insider. La distanza di Proxima C dalla sua stella, lo renderebbe comunque inospitale per la vita umana a causa delle temperature troppo basse e la presenza di un’atmosfera carica di idrogeno-elio. Gli astronomi pensano che pianeti con queste caratteristiche possano formarsi attorno alla “linea della neve”: la distanza più vicina a una stella dove l’acqua può diventare ghiaccio. Questo perché i solidi ghiacciati si accumulano in quella regione quando un sistema stellare è ancora in fase ‘embrionale’, contribuendo a formare pianeti.

    Incidente nello spazio per l’astronomia Christina Koch: ecco cosa è successo

  • Utilizzata la tecnica della velocità radiale per individuare il nuovo pianeta

    Per riuscire ad individuare questa super-Terra, gli astronomi italiani si sono avvalsi di una tecnica denominata “velocità radiale” che sfrutta i cambiamenti ciclici delle posizioni delle stelle e il cambiamento dei colori della luce per identificare la presenza di altri corpi celesti. Il team di Damasso ha identificato questo tipo di cambiamento ciclico nella luce di Proxima Centauri e ha stabilito che non è correlato ai movimenti del pianeta Proxima b. Ecco perchè si è subito dedotta l’esistenza di un altro pianeta anche se, secondo quanto ha dichiarato lo stesso Damasso, non è possibile al momento “scartare la possibilità che il segnale sia effettivamente dovuto all’attività della stella”.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: