Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 30 Settembre
Scarica la nostra app

Enorme asteroide “sfiora” la Terra: ecco quando si è avvicinato al nostro pianeta

Un asteroide grande quanto sei campi da football ha sfiorato il pianeta Terra proprio poche ore fa: ecco cosa è successo

meteorite
Meteorite, foto archivio, fonte Pixabay
1 di 2
  • Enorme asteroide “sfiora” la Terra: ecco quando si è avvicinato al nostro pianeta

    Proseguono gli avvistamenti di asteroidi, meteoriti e altri corpi celesti che “sfiorano” il nostro pianeta (anche se, come precisato più volte, in nessun caso la Terra e la nostra esistenza ha corso il minimo rischio): stavolta come riportato dalla NASA ad avvicinarsi molto rapidamente a noi è stato un meteorite grande come sei campi da football (569 metri di diametro) un asteroide davvero enorme che ha raggiunto la distanza minima dalla Terra la scorsa notte alle ore 5.20 italiane. Il meteorite, chiamato 2002 NN4 (scoperto proprio nel 2002 dagli astronomi), era tenuto sotto controllo dai ricercatori ma non c’è mai stata alcuna possibilità che impattasse sulla Terra in quanto è sfrecciato a 3,2 milioni di chilometri da noi. Il suo prossimo passaggio “accanto al nostro pianeta” è previsto per il 2029.

    Nuova scoperta sull’asteroide che ha colpito la Terra sterminando i dinosauri, ecco di cosa si tratta

    Sappiamo da diversi decenni che i dinosauri sono stati probabilmente spazzati via da un impatto meteorico, ma la ricerca in corso continua a scoprire nuove sfumature riguardo la situazione generale. I nuovi dati pubblicati su Nature Communications suggeriscono che il killer dei dinosauri ha colpito una zona insolita – e che le conseguenze per la vita sulla Terra sono state significative, come riporta extremetech.com. La maggior parte dei rapporti e delle discussioni su Chicxulub presuppone che l’asteroide abbia colpito con un angolo di 90 gradi. Questo è probabilmente falso; solo uno su 15 impatti meteorici è più ripido di 75 gradi e solo il 25 percento si verifica tra 60 gradi e verticale, secondo il documento.

    L’angolo di impatto

    Quando un asteroide colpisce a 90 gradi, sono tre le caratteristiche distintive – il centro di sollevamento del mantello, il centro dell’anello di picco e il centro del cratere – sono tutti uno sopra l’altro. Questo non è il caso di Chicxulub. Invece, queste caratteristiche sono sfalsate fuori centro, con il centro dell’anello di picco e il centro di sollevamento del mantello sui lati opposti del centro del cratere. Ciò indica che l’angolo di impatto era diverso da 90 gradi. Il centro del cratere è il centro dell’area scavata dall’asteroide o della cometa, il centro dell’anello di picco è il centro dell’anello interno di roccia spostata che si forma in questo tipo di cratere complesso  e il punto di il massimo sollevamento del mantello è il punto in cui il mantello è salito più in alto sotto la crosta in risposta all’impatto.

  • La Terra ha tremato per giorni

    Dopo l’impatto con l’asteroide la Terra avrebbe tremato per giorni. I ricercatori hanno modellato una varietà di angoli di impatto e velocità per determinare quali fossero i criteri più probabili per il dispositivo di simulazione. Ciò che hanno scoperto suggerisce fortemente che l’asteroide o la cometa si sono avvicinati con un angolo di 60 gradi, in base ai resti del cratere e alla distribuzione dei detriti A angoli di basso impatto, il centro del sollevamento del mantello e il centro dell’anello di picco simulato sono entrambi spostati verso il basso. Quando l’impatto si verifica ad un angolo elevato, il sollevamento del mantello compensa la salita, mentre l’anello di impatto del picco compensa la discesa.

    Impatto su rocce ricche di idrocarburi e zolfo

    Lo “scenario peggiore” entra in gioco a causa di ciò che ha colpito l’asteroide. Le rocce sotto il sito di impatto di Chicxulub erano ricche di idrocarburi, zolfo e CO2, in parte grazie a enormi depositi organici. L’impatto a 60 gradi, secondo i ricercatori, ha rilasciato 2-3 volte più zolfo e CO2 di un impatto a 90 gradi e 10 volte più di un impatto molto superficiale (15 gradi). In breve, potremmo esistere oggi perché i dinosauri non sono stati colpiti da un asteroide, ma sono stati colpiti da un asteroide nel peggiore dei modi. Se l’asteroide fosse arrivato pochi istanti dopo, o con un’angolazione leggermente diversa, gli ultimi 66 milioni di anni di storia sul Pianeta Terra avrebbero potuto seguire un percorso molto diverso.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Biagio Romano

Classe '93, napoletano di nascita, interista di fede. Scrivo sul web da quando avevo 16 anni: prima per hobby, poi per lavoro. Curioso di natura, amo le sfide (soprattutto vincerle). Mi affascina il mondo dell'informazione e quello della comunicazione. Tra gli argomenti che seguo con maggiore interesse: tutto ciò che riguardala tv. Reality show, talent show senza tralasciare gossip e altri programmi vari. Seguo molto anche tutto ciò che riguarda la tecnologia e mi occupo di natura e scienza

SEGUICI SU: