Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 19 Ottobre
Scarica la nostra app

I collisori di particelle aiutano a preparare gli umani alle radiazioni nello spazio profondo

I ricercatori stanno testando le sostanze che bloccherebbero gli effetti delle radiazioni cosmiche

astronauta
I collisori di particelle aiutano a preparare gli umani alle radiazioni nello spazio profondo (Foto: Pixabay)
1 di 3
  • Avviati gli esperimenti per capire i cambiamenti sul corpo umano delle radiazioni cosmiche

    Secondo quanto riportato dal sito Astronomy, l’astronauta della NASA, Scott Kelly ha trascorso un anno nello spazio mentre gli scienziati hanno monitorato i cambiamenti sul suo corpo, così come quello del suo gemello, Mark Kelly, rimasto a terra. Kelly poi fece ritorno sulla Terra in buone condizioni. Addirittura alcuni cosmonauti russi hanno trascorso più tempo di Kelly nello spazio senza patire conseguenze di natura fisica legati alla bassa gravità o all’aumento dell’esposizione alle radiazioni.

    Ma il vero obiettivo degli umani è quello di avventurarsi molto oltre la Terra. E, finora, tutti gli esperimenti di volo spaziale umano a lungo termine sono avvenuti su stazioni spaziali che orbitano all’interno del campo magnetico protettivo della Terra, fornendo protezione dalla radiazione ad alta energia. Per viaggiare su Marte, dovremo essere preparati ad un ambiente completamente diverso.

    Il viaggio su Marte richiederebbe una lunga permanenza

    Il più lungo viaggio dell’Apollo sulla Luna durò meno di due settimane. Un viaggio su Marte e ritorno richiederebbe mesi, se non anni. E gli ultimi piani della NASA per la Luna richiederebbero proprio la permanenza nello spazio per mesi. Questo ha indotto i ricercatori a diventare creativi nel testare le tolleranze alle radiazioni umane. Se non possono sperimentare al di fuori degli scudi di radiazioni naturali della Terra, ci sono ancora luoghi sulla Terra in cui gli scienziati stanno già facendo i propri esperimenti con radiazioni ad alta energia: gli acceleratori di particelle.

  • Vivere nello spazio è un obiettivo realistico per l’uomo?

    I ricercatori stanno cercando di capire se vivere fuori dal mondo sia un obiettivo realistico per gli esseri umani nei prossimi decenni. Distruggendo insieme le particelle pesanti ad alta velocità, gli scienziati possono creare una sospensione di particelle che sono simili in energia agli eventi dei raggi cosmici. Alcuni laboratori stanno già eseguendo questo tipo di lavoro, tra cui il Brookhaven National Laboratory negli Stati Uniti e il GSI Helmholtz Center per la ricerca sugli ioni pesanti in Germania.

  • I ricercatori stanno testando le sostanze che bloccherebbero le radiazioni

    E mentre le dosi sono ancora più alte di quelle che gli umani sosterrebbero nello spazio, è l’unico modo pratico per testare il comportamento dei raggi cosmici sulla Terra in modo controllato. E se la radiazione è bassa o dose alta è meno rilevante per i materiali semplici. Ciò permette ai ricercatori di testare quali tipi di sostanze bloccano la radiazione, poiché questi risultati si basano solo sul tipo di radiazione.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: