Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 20 Ottobre
Scarica la nostra app

In futuro lo Spazio sarà la chiave per risolvere i problemi di connettività

I colossi della Silicon Valley stanno progettando una nuova connessione internet attraverso lo spazio

connessione
Connessione Internet nello spazio, ecco cosa stanno progettando i colossi della Silicon Valley (Foto: Pixabay)
1 di 3
  • Per salvare Internet, i colossi della Silicon Valley avvieranno dei progetti sullo Spazio

    Per salvare Internet, la Silicon Valley potrebbe servirsi dello spazio come si legge sul sito Astronomy. Amazon, Facebook, OneWeb e molti altri colossi della Silicon Valley stanno progettando di spostare Internet nello spazio per ragioni pratiche. Per decenni, i principi di base che regolano il funzionamento di Internet sono rimasti pressoché invariati. Ma con una crescita massiccia all’orizzonte – grazie a tutto, dall’intelligenza artificiale alla blockchain e dal lancio del 5G all’onnipresente Internet of Things – la quantità di dati che produciamo potrebbe eventualmente superare la capacità di archiviazione fisica.

    I satelliti a bassa latenza verranno piazzati in diversi angoli del globo

    Lo spazio potrebbe essere proprio la soluzione giusta a questo problema. Questa è la scommessa su cui scommettono i big della Silicon Valley. Elon Musk, CEO di SpaceX, sta pianificando di tappezzare l’orbita terrestre con migliaia di satelliti che porteranno Internet a bassa latenza in tutti gli angoli del globo.

    Internet a gravità zero, ecco come funzionerebbe

    Amazon potrebbe puntare su una cosiddetta mega-costellazione del valore di miliardi, mentre Facebook ha creato PointView Tech, una consociata per sviluppare il suo satellite segreto a banda larga Athena, a cui è stata concessa l’approvazione FCC per iniziare le prove sperimentali. Se vogliamo costruire fabbriche sulla Luna o città su Marte – o semplicemente tenere il passo con le attuali tendenze di crescita dei dati – avremo bisogno di una solida Internet nello spazio, queste aziende prevedono. E mentre la rete funziona in modo molto diverso a gravità zero, i protocolli che utilizza potrebbero essere applicati al Wi-Fi terrestre.

  • Niente più interruzioni streaming

    Se accade spesso che uno streaming si interrompe, la responsabilità è spesso della suite di protocolli Internet sulla rete domestica. Tecnicamente noto come TCP / IP, funziona (approssimativamente) in questo modo: un computer invia informazioni tramite un router a un secondo router, quindi al computer di casa. Ma nessuno di questi dati viene salvato sui router. Se si verifica un’interruzione della connessione, le informazioni vengono perse.

  • Il protocollo Delay/Disruption Tolerant Networking

    Nello spazio si attuerebbe un modello diverso di connessione in grado di non fare perdere i dati. Le distanze estreme e le variazioni orbitali rendono insostenibile il sistema TCP / IP. Quindi, gli scienziati della NASA hanno inventato un nuovo protocollo nel 1998 chiamato Delay / Disruption Tolerant Networking, noto anche come Bundle Protocol.

    Il nuovo sistema consentirà connessioni perfette senza errori e ritardi conservando le informazioni fino a quando la connessione non ritorna. Un grosso passo in avanti verso il futuro.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Chitarrista per hobby, coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per alcuni siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia grande passione innata per il giornalismo. Amo scrivere di politica, economia (adoro i testi di Stigliz e i saggi di Rampini), salute, attualità e sport. Spero di poterne fare un mestiere in grado di darmi stabilità e certezze. L'idea che ho della vita la condenso in una metafora tratta dal volley: se la vita ti pone davanti ad un muro, affrontalo con le mani alzate...

SEGUICI SU: