Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 16 Novembre
Scarica la nostra app

L’asteroide 2018VP1 sta per sfiorare la Terra: ecco in quale giorno “passerà accanto” al nostro pianeta

Lunedì 2 novembre l'asteroide 2018VP1 "sfiorerà" il nostro pianeta: ecco cosa succederà e cosa comporterà per la Terra

L’asteroide 2018VP1 sta per sfiorare la Terra: ecco in quale giorno “passerà accanto” al nostro pianeta
Foto PixaBay
1 di 3
  • L’asteroide 2018VP1 sta per sfiorare la Terra: ecco in quale giorno “passerà accanto” al nostro pianeta

    La Terra sta per essere “sfiorata” da un asteroide: come noto ormai da giorni, 2018VP1 passerà accanto al nostro pianeta tra poche ore, precisamente nella giornata di lunedì 2 novembre (orario indefinito). Va detto che le possibilità che l’asteroide colpisca la Terra sono dello 0,41% (contro il 99,59% del contrario), dunque il nostro mondo è praticamente al sicuro e non corre alcun rischio. 2018VP1 fa parte della classe di asteroidi Apollo, ha un diametro poco superiore ai 2 metri e una massa stimata di 16 tonnellate e si muove a 9,5 chilometri al secondo, ma la sua velocità può arrivare fino a 14-15 km/s una volta entrato nell’atmosfera terrestre. C’è anche l’ipotesi che l’asteroide possa frantumarsi a causa dell’attrito con l’aria, altro motivo per cui esso non è stato inserito nella lista dei corpi celesti pericolosi: nel caso in cui invece 2018VP1 dovesse rimanere integro e non colpire la Terra “tornerà a farci visita” nel 2025. C’É ACQUA SULLA LUNA: ECCO L’ANNUNCIO UFFICIALE DELLA NASA

    L’avvistamento dell’asteroide nello Spazio

    Entrando nel dettaglio, la NASA ha fatto sapere che le probabilità che l’asteroide entri effettivamente nell’atmosfera del pianeta sono pari allo 0.41%, dunque estremamente basse (e, anche se fosse, si assisterebbe al fenomeno descritto in precedenza). 2018VP1 è stato avvistato in un primo momento dal Center for Near-Earth Object Studies, appartenente al Jet Propulsion Laborator della NASA. In seguito all’avvistamento si è provveduto ad effettuare analisi più approfondite in merito alla traiettoria del pianeta, giungendo alla conclusione che un impatto dell’asteroide sulla Terra sia piuttosto improbabile. LA TERRA É VISIBILE DA ALMENO 500 ESOPIANETI: ECCO COME

    Alcune coincidenze temporali: dalla pandemia alla commemorazione dei defunti

    Un particolare curioso dell’evento è dato dalla sua coincidenza temporale: 2018VP1 giungerà nei pressi della Terra intorno al 2 novembre, in piena emergenza pandemica e in prossimità delle elezioni presidenziali statunitensi. A ciò si aggiunge anche il fatto che, assai curiosamente, il 2 novembre è anche la data in cui, secondo la dottrina cristiana, si commemorano i defunti, il giorno successivo ad Ognissanti (cadente il 1° novembre e dedicato alla memoria dei Santi canonizzati dalla Chiesa Cattolica). RINTRACCIATE TESTIMONIANZE DI ATTIVITÁ VULCANICA SU GIOVE

    CONTINUA A LEGGERE

  • Incidente per la sonda OSIRIS-REx che ha perso parte dei dati raccolti sull’asteroide Bennu: ecco cosa è successo (VIDEO)

    Disavventura nello spazio per la sonda OSIRIS-REx: come riportato da Ansa.it, lo strumento lanciato dalla NASA e incaricato di raccogliere materiali sull’asteroide Bennu ha perso alcuni detriti durante l’operazione. Cosa è successo? OSIRIS-REx ha raccolto più materiale del previsto e la copertura del braccio meccanico incaricato di prelevare detriti da Bennu è rimasta leggermente aperta; di conseguenza una parte di quanto prelevato è stato involontariamente disperso nello spazio. OSIRIS-REx emette un potente sbuffo di azoto per far sollevare i detriti presenti sulla superficie dell’asteroide, ma in questo caso l’operazione è stata estremamente “un successo” e ha avuto una conseguenza inaspettata. Il materiale disperso nello spazio è comunque innocuo per la Terra, trovandosi a 320 milioni di chilometri dal nostro pianeta. Ecco il video di come la sonda “risucchia” detriti di Bennu.

  • L’importanza della missione su Bennu

    È durato quattro anni il viaggio della sonda Osiris-Rex, un progetto della Nasa: il culmine della sua missione è stato l’avvicinamento al suolo dell’asteroide Bennu dove la sonda dovrà raccogliere una certa quantità di polvere che poi verrà riportata sulla Terra dove sarà analizzata all’interno di laboratori specializzati: lo studio di questa polvere porterà ad avere maggiori informazioni sulle origini del Sistema Solare. L’operazione è stata molto delicata perché si è trattato di un’attività di alta precisione telecomandata a circa 330 milioni di km di distanza.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: