Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 17 Febbraio
Scarica la nostra app

Luna e Marte, gli edifici per esseri umani saranno fatti di funghi? Il progetto della NASA

L'ultimo progetto della NASA per gli habitat umani su Luna e Marte: costruirli coi funghi, facili da trasportare e da espandere. Quali i vantaggi?

Case su Luna e Marte fatte coi funghi?
Funghi per costruire edifici sulla Luna e su Marte - Foto Pixabay
1 di 3
  • Luna e Marte, gli edifici per esseri umani saranno fatti di funghi? Il progetto della NASA

    Gli edifici umani sulla Luna e su Marte? Per costruirli non serviranno dei materiali di ultima generazione ma semplicemente dei funghi. È l’ultima ipotesi, come riporta SkyTg24, formulata dal centro di ricerca Ames della Nasa, che spiega come questa soluzione possa rivelarsi più adatta di vetro o metallo. Leggi anche: Marte, la spettacolare immagine del polo nord catturata da Mars Express

    Edifici di funghi su Luna e Marte, perché questa scelta

    Per costruire delle case sulla Luna o su Marte, quindi, basterebbero dei funghi, facili da trasportare e se serve anche da “espandere”. L’idea degli scienziati, infatti, è quella di una micro-architettura fatta da funghi dormienti da risvegliare con l’aggiunta di acqua una volta arrivati a destinazione.

    I design tradizionali? Costi molto alti

    Lynn Rotchschild, coordinatrice del progetto Nasa riguardante la micro-architettura, ha spiegato come i design tradizionali per gli habitat marziani o lunari sono simili ai gusci di tartaruga, ovvero da portare sulla nostra schiena: senza dubbio affidabili ma con costi energetici molto alti. I funghi sono l’alternativa l’ideale, secondo la scienziata.

  • Tre strati per gli edifici su Luna e Marte

    Componente chiave dei funghi, che producono spore e mangiano materiale organico, è il micelio, intreccio di filamenti in grado di costruire strutture complesse con grande precisione: in questo modo si avrebbero dei mattoni che servirebbero da base per le basi marziani. Oltre a questi blocchi nel progetto è previsto un habitat a forma di cupola con tre strati: quello esterno fatto di acqua ghiacciata ricavata dalle risorse già presenti su Luna o Marte. L’acqua proteggerebbe dalle radiazioni e alimenterebbe il secondo strato di cianobatteri, capaci di sfruttare la luce e l’acqua per produrre ossigeno per gli essere umani e nutrienti per i funghi, terzo ed ultimo strato.

  • I funghi, materiale del futuro: ecco perchè

    Funghi per costruire edifici su Luna e Marte? Sembra bizzarro ma non lo è: la Nasa, infatti, punta fortemente su questa soluzione, tra l’altro utilizzabile in futuro, eventualmente, per costruire abitazioni in modo sostenibile anche sulla Terra e non solo sullo spazio. Ma siamo solo all’inizio: il progetto, infatti, è agli albori. L’obiettivo è quello di riuscire ad utilizzare i funghi, una volta studiati meglio, per filtrare l’acqua, entrare nei minerali delle acque di scarto o produrre illuminazione.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Biagio Romano

Classe '93, napoletano di nascita, interista di fede. Scrivo sul web da quando avevo 16 anni: prima per hobby, poi per lavoro. Curioso di natura, amo le sfide (soprattutto vincerle). Mi affascina il mondo dell'informazione e quello della comunicazione. Tra gli argomenti che seguo con maggiore interesse: tutto ciò che riguardala tv. Reality show, talent show senza tralasciare gossip e altri programmi vari. Seguo molto anche tutto ciò che riguarda la tecnologia e mi occupo di natura e scienza

SEGUICI SU: