Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 7 Dicembre
Scarica la nostra app

Scoperte due sorelle della Terra: potrebbero ospitare la vita

Scoperte due sorelle della Terra: potrebbero ospitare la vita. Studio dell'Università di Göttingen

Scoperte due sorelle della Terra: potrebbero ospitare la vita, foto: Pixabay.com
1 di 4
  • Scoperte due sorelle della Terra: potrebbero ospitare la vita

    Gli astronomi sono convinti di aver trovato due nuovi pianeti simili alla Terra nella nostra galassia, ed entrambi sembrano così simili ai nostri, sono ora tra i primi 19 pianeti extrasolari noti con ambienti potenzialmente abitabili, come riportano Ansa.it e sciencealert.com. Orbita attorno a una stella vicina nella costellazione dell’Ariete a soli 12,5 anni luce di distanza, uno di questi due pianeti potrebbe in effetti contenere la più grande somiglianza con la Terra. “I due pianeti assomigliano ai pianeti interni del nostro Sistema Solare“, spiega l’autore principale Mathias Zechmeister, un astrofisico dell’Università di Göttingen.

    Pianeti più pesanti

    “Sono solo leggermente più pesanti della Terra e si trovano nella cosiddetta zona abitabile, dove l’acqua può essere presente in forma liquida”. Nonostante la sua vicinanza, questa stella di Teegarden è stata scoperta solo nel 2003. Circa dieci volte più leggera del nostro Sole e una delle più piccole stelle che conosciamo, una vecchia nana rossa, che ha circa 8 miliardi di anni. Secondo il team, altri sistemi planetari attorno a stelle simili sono sempre stati rilevati usando il metodo di transito, quando un pianeta orbitante passa davanti a una stella, bloccando la vista della Terra e facendo oscurare il luminoso oggetto celeste per un breve momento.

    Utilizzato ul telescopio CARMENES

    L’allineamento e l’oscurità di Teegarden non si prestano tuttavia a questo metodo, quindi gli astronomi hanno invece utilizzato il telescopio di nuova generazione CARMENES progettato appositamente per tali situazioni. Situato presso l’osservatorio spagnolo di Calar Alto, lo strumento ha permesso ai ricercatori di cercare eventuali cambiamenti nella velocità radiale della mini-stella. Dopo tre anni di osservazione ravvicinata, osservando le “oscillazioni” prodotte dagli oggetti in orbita, oltre 200 misurazioni indicano l’esistenza di due nuovi pianeti, ora denominati Teegarden b e Teegarden c. I ricercatori hanno completato le loro osservazioni con dati fotometrici (misurazione della luce).

  • Le somiglianze con la Terra

    Teegarden b è il pianeta più interno; secondo il team internazionale, ha una probabilità del 60% di avere un ambiente di superficie temperato, da 0 a 50 ° C e probabilmente più vicino a 28 ° C. Il Teegarden c, invece, si trova più lontano e ha una temperatura superficiale più simile a Marte, che si trova a circa -47 ° C. Data la loro massa minima e la loro esposizione alla radiazione solare, entrambi i pianeti sono nel Catalogo degli esopianeti abitabili.

    Non è detto che siano abitabili

    Teegarden b ha effettivamente ottenuto il più alto Indice di similarità terrestre (ESI) di sempre. Anche se questo non significa necessariamente che entrambi i pianeti siano effettivamente abitabili, è certamente un segno promettente. Zechmeister ha detto al Guardian che se questi pianeti sono dotati di atmosfere, potrebbero benissimo essere ospitali alla vita.

  • Primi pianeti osservati con il metodo della velicità radiale

    I pianeti Teegarden’s Star b e c sono i primi pianeti rilevati con il metodo della velocità radiale attorno a una nana così fredda“, scrive il team in un articolo che descrive la scoperta. Entrambi i pianeti hanno una massa minima vicina a una massa terrestre e, data una composizione rocciosa, parzialmente di ferro o d’acqua, si prevede che abbiano raggi simili alla Terra.

    Colpita anche l’astrofisica Weiss

    Lauren Weiss, un’astrofisica dell’Università delle Hawaii che non è stata coinvolta in questa ricerca, ha dichiarato al National Geographic che ci sono ancora alcuni dettagli tecnici che devono essere presi in esame, ma è rimasta colpita dalla qualità complessiva dei dati.

  • Orbita in 4.9 giorni terrestri

    Mentre il team prevede che Teegarden b completi la propria orbita in 4.9 giorni terrestri, e c lo fa in 11.4 giorni, Weiss sostiene che il loro viaggio potrebbe andare anche più veloce di quello, che inevitabilmente ridurrebbe la loro abitabilità. Inoltre, aggiunge, non sappiamo ancora con precisione quanto tempo impiegherà Teegarden a ruotare sul suo asse; dato che gli astronomi hanno usato le misure della velocità radiale per ottenere la loro scoperta, uno di questi rilevamenti del pianeta potrebbe essere ancora un artefatto della rotazione della stella – ma probabilmente non entrambi.

    Teegardeen candidato per ospitare la vita?

    Essendo il 24 ° sistema stellare più vicino al nostro e il quarto più vicino con pianeti potenzialmente abitabili, Teegardeen è un eccellente candidato per la ricerca futura, e il suo potenziale di ospitare la vita ci ha lasciato molto eccitati.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: