Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 17 Febbraio
Scarica la nostra app

Trovato il materiale solido più antico del pianeta: è più vecchio del sistema solare

Trovato del materiale granuloso portato da un meteorite che cadde sulla Terra quando ancora il sole non esisteva

meteora
Trovato il materiale solido più antico mai esistito sulla Terra (Foto: Pixabay)
1 di 2
  • Un gruppo di esperti del Field Museum ha studiato il meteorite Murchison trovando dei granelli di polvere portati dal meteorite sulla Terra

    Alcuni scienziati avrebbero identificato il materiale solido più antico presente sulla Terra. Si tratta di granelli di polvere la cui origine potrebbe precedere lo stesso Sistema Solare di almeno alcune centinaia di milioni di anni. I piccolissimi microscopici granelli sarebbero stati forgiati in una stella lontana da qualche parte tra 5 e 7 miliardi di anni fa, secondo una nuova ricerca. Per capire di cosa stiamo parlando, basta sapere che il nostro Sole ha solo 4,6 miliardi di anni.

    Le parole di Philipp Heck

    Secondo gli stessi scienziati, questo materiale sarebbe stato portato sul nostro pianeta da un meteorite. Lo studioso del cosmo, Philipp Heck del Field Museum of Natural History e dell’Università di Chicago ha ribadito che questo è uno degli “studi più interessanti a cui ho lavorato. Si tratta di materiali solidi più antichi mai trovati e ci raccontano come si sono formate le stelle nella nostra galassia.”

    Il meteorite Murchison

    Va detto che la presenza, all’interno dei meteoriti, di granuli di materiale che precedono il Sistema Solare e chiamati “grani presolari” sono molto difficili da identificare perchè si tratta di corpuscoli molto fini e incorporati nella roccia. Fra i meteoriti che contengono parecchi granuli di questo tipo c’è il meteorite Murchison, una grossa roccia dal peso di oltre 100 kg che è esploso nel cielo sopra Murchison, in Australia, nel settembre 1969, spargendo i suoi frammenti ovunque.

  • Come è stato scoperto il nuovo materiale

    Il Field Museum ha acquisito 52 chilogrammi del meteorite Murchison rilevando la presenza di questi microscopici granuli di un minerale chiamato carburo di silicio dall’interno del meteorite. Nel 1990 si capì che questi minerali sono interstellari e quindi presolari. Nel 1990 gli strumenti in possesso degli scienziati per analizzare questi minerali non erano così avanzati come adesso.

    Gli scienziati hanno impiegato la microscopia elettronica a scansione, la spettrometria di massa di ioni secondari e la spettrometria di massa di gas nobili per riuscire a penetrare materiali solidi come i meteoriti. Quaranta granuli presolari in carburo di silicio sono stati controllati per tracce di elementi particolari in questione: elio-3 e neon-21; questi hanno rivelato le età dei grani. Alcuni erano piuttosto vecchi, più di 5,5 miliardi di anni, ma la maggior parte di loro era più giovane, tra 4,6 e 4,9 miliardi di anni.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: