Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app

Un anello di Einstein ci sta consentendo di ammirare una galassia lontana quasi 10 miliardi di anni luce

Uno degli anelli di Einstein sta consentendo agli astronomi di poter scorgere i dettagli di una galassia lontanissima

Un anello di Einstein ci sta consentendo di ammirare una galassia lontana quasi 10 miliardi di anni luce
Anelli di Einstein
1 di 2
  • Lo spazio ci regala nuove emozioni

    Conoscere l’Universo è l’obiettivo di molti ricercatori, i quali dedicano parecchio impegno nell’analisi di dati e strepitosi fenomeni. Soffermandoci un attimo proprio su questi ultimi dobbiamo citare gli anelli di Einstein, deformazioni della luce proveniente da una sorgente che, a contatto con una massa di grandi dimensioni e dell’effetto gravitazionale, assumono la forma caratteristica di un anello. Di recente proprio un anello di Einstein ha permesso agli astronomi di visionare una galassia lontana più di 9 miliardi di ani luce dalla Terra. Continua a leggere

    Anello fuso: un magnifico e gigante anello di Einstein

    L’anello di Einstein conosciuto con il nome Anello Fuso, e denominato in ambito scientifico GAL-CLUS-022058s, riflette la luce di una galassia molto distante da noi ed è il frutto della luce in viaggio da ben 9,4 miliardi di anni luce. Lo spazio tempo rende difficile gli studi sulla formazione dell’Universo e sugli elementi posizionati a miliardi di anni luce dal nostro pianeta. Fortunatamente gli anelli di Einstein duplicano la potenza della luce e ci permettono di osservare meglio cosa c’è nello spazio. L’Anello Fuso è talmente potente da permetterci di visionare la galassia lontana con ben quattro immagini distorte.

    Studio della luce

    Gli scienziati osservano la luce in viaggio nell’Universo attraverso l’utilizzo di potenti telescopi. Il celebre scienziato Albert Einstein parlò per la prima volta del fenomeno curvatura della luce nel 1912. Nel 1998 è stato scoperto il primo anello di Einstein grazie all’utilizzo di un sistema di radiotelescopi denominato Very Large Array. Questo fenomeno è stato anche denominato lente gravitazionale e indica una distribuzione di materia capace di curvare similmente all’effetto di una lente ottica la traiettoria della luce. CONTINUA A LEGGERE…

  • Analisi delle immagini della galassia lontana

    Gli scienziati hanno analizzato le immagini distorte dell’anello di Einstein con il telescopio spaziale Hubble e hanno potuto confermare che la luce visibile ha viaggiato per quasi 10 miliardi di anni luce. Questa scoperta è entusiasmante poiché riflette le immagini di una galassia del periodo di formazione delle stelle e potrebbe essere determinante per lo studio sulla nascita dell’Universo primordiale.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da anni notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia