Venerdì 23 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO 2 GIUGNO – non ci sono buone notizie per la Festa della Repubblica, ecco perché

Tendenza meteo per il weekend del 2 giugno: ancora piogge e temporali sull'Italia anche con l'inizio dell'estate

Tendenza meteo per il 2 giugno 2019: Festa della Repubblica - pixabay.com
Tendenza meteo per il 2 giugno 2019: Festa della Repubblica - pixabay.com
1 di 4
  • Torna il maltempo nel weekend

    Protagonista sull’Italia è l’instabilità pomeridiana ma nel prossimo e ultimo weekend di maggio ci aspettiamo un nuovo peggioramento meteo organizzato, a causa dell’arrivo di una saccatura depressionaria dall’Atlantico. Non solo questo weekend ma anche l’ultima settimana di maggio e della primavera potrebbero essere caratterizzati da condizioni meteo instabili o perturbate in Italia, e questo fino al weekend del 2 giugno. Vediamo allora una tendenza meteo fino alla Festa della Repubblica e all’inizio dell’estate 2019.

    Ancora acquazzoni e temporali no stop

    Ultima settimana di maggio all'insegna del maltempo

    Ultima settimana di maggio all’insegna del maltempo

    Tra Domenica e Lunedì entrerà nel vivo la fase di maltempo a causa di una goccia con aria più fredda in quota in risalita dal Nord Africa verso le regioni del Centro-Sud. E sarà proprio su queste ultime che avremo i fenomeni più importanti anche a carattere di temporale. A seguire, tra Martedì 28 e Mercoledì 29, i principali modelli meteo confermano anche oggi il passaggio di un’altra perturbazione atlantica collegata ad un vasto centro di bassa pressione situato sul Mare del Nord. Solo tra Giovedì e Venerdì le condizioni meteo dovrebbero migliorare seppur sempre con instabilità pomeridiana e temporali sui monti. Sole e caldo dunque per il weekend del 2 giugno?

    Festa del 2 giugno: previsioni meteo ancora incerte

    La distanza temporale è ancora troppo elevata per elaborare una previsione meteo dettagliata per il weekend del 2 giugno. Non ci sono però buone notizie negli ultimi aggiornamenti dei modelli. Sia l’americano GFS che l’europeo ECMWF mostrano tra il 1° e 2 di giugno un anticiclone tra Penisola Iberica e Isole Britanniche e una vasta depressione tra Scandinavia ed Europa centrale. Questa potrebbe influenzare anche le condizioni meteo sul Mediterraneo portando correnti più fresche e instabili dai quadranti nord-occidentali sull’Italia. Nel primo weekend dell’estate il clima potrebbe dunque essere ancora fresco e non mancherebbero i temporali anche intensi specie nelle zone interne del Centro-Nord.

  • Guardate le temperature del mare, ancora presto per i primi bagni!

    Temperature del mare - meteoam.it

    Temperature del mare – meteoam.it

    Un altro parametro da considerare soprattutto per questa prima parte dell’estate 2019 è la temperature del mare. Come possiamo vedere nell’immagine qui accanto nessuno dei bacini intorno all’Italia raggiunge ancora i +20 gradi. Addirittura i settori più settentrionali dell’Adriatico rimangono anche sotto ai +16 gradi. L’attuale situazione dei mari d’Italia deriva principalmente dalle condizioni meteo avute durante questo mese di maggio 2019. Un mare più freddo influenzerà anche la prima parte del mese di giugno. Infatti anche dovessero arrivare intense ondate di caldo dall’Africa queste verrebbero almeno inizialmente mitigate da un mare decisamente più freddo del solito. Per quanto riguarda invece i primi bagni ricordiamo che le temperature ideali dell’acqua per tuffarsi sono +20/22 gradi per gli adulti e +23/25 gradi per i bambini.

  • Primo mese dell’estate con partenza lenta

    Le ultime uscite dei principali modelli stagionali come ECMWF ci mostrano una partenza dell’estate un po’ lenta per il mese di giugno 2019. Le anomalie positive di temperatura, così come quelle di geopotenziale, dovrebbero infatti riguardare l’Europa orientale e la Scandinavia. L’attuale evoluzione meteo mostra infatti la presenza di anticicloni spesso sbilanciati verso le alte latitudini e questo potrebbe continuare in parte anche durante il mese di giugno. Condizioni meteo asciutte su buona parte dell’Europa centrale mentre le precipitazioni potrebbero risultare localmente sopra la media sul Mediterraneo centro-orientale. Non mancheranno ovviamente rimonte dell’anticiclone verso l’Italia ma queste potrebbero essere non molto intense e poco durature.

  • Vi invitiamo dunque a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.