Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 18 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ATTENZIONE al CAPOVOLGIMENTO in arrivo, GOCCIA FREDDA punta l’ITALIA con forte MALTEMPO e GRANDINATE? I dettagli

METEO - CAMBIA TUTTO, GOCCIA FREDDA in arrivo sull'ITALIA la prossima settimana, possibili GRANDINATE e CROLLO TERMICO

Grandine, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 4
  • Prosegue la fase instabile al nord-ovest

    Nella giornata odierna, ma anche in quella di domani lunedì 21 ottobre proseguirà ancora imperterrita la fase di maltempo incessante sulle regioni nordoccidentali, dove le piogge sono ormai protagoniste di svariati giorni consecutivi. In particolare i fenomeni in questi due giorni potrebbero risultare molto intensi su alcuni settori della Liguria e del confine alto tra Piemonte e Lombardia. Soprattutto nella giornata di domani, le aree comprese tra il verbano e il varesotto avranno a che fare probabilmente con accumuli localmente anche piuttosto elevati.

    Prosegue invece la fase di bel tempo al centro-sud

    Le condizioni meteo si presentano molto statiche in questi giorni sul territorio italiano, con il maltempo che continua a colpire sempre le stesse zone e il bel tempo che continua a interessare le medesime. Continua ancora la fase di stabilità sulle regioni centro-meridionali dunque, con le temperature in lento ma progressivo aumento nel corso dei prossimi giorni. Andiamo a vedere quando e quanto misurerà il picco del caldo.

    Picco del caldo tra martedì e mercoledì

    Temperature in graduale e progressivo aumento nei prossimi giorni, poi possibile cambio circolatorio.

    Nell’Italia peninsulare, a differenza della Sardegna dove l’apice del caldo è previsto per oggi con picchi termici prettamente estivi intorno ai +32°C, le giornate più calde si misureranno tra martedì 22 e mercoledì 23 ottobre, quando la colonnina di mercurio tornerà a toccare diffusamente i +26/+27°C con punte fino a +28°C nelle vallate interne notoriamente più calde. Condizioni tempo dunque più tardo primaverili che tipiche del periodo ottobrino. Ma attenzione, perché le cose potrebbero cambiare nel corso della prossima settimana.

  • Goccia fredda punta l’Italia?

    Immediatamente dopo aver raggiunto l’apice del caldo, dalla saccatura presente sul Mediterraneo occidentale si staccherà una goccia fredda vagante per il mare nostrum, che risulterà in lento spostamento verso oriente, con un’ondata di maltempo che a quel punto interesserebbe a quel punto anche i settori tirrenici centrali e parte di quelli meridionali (Campania in primis). La perturbazione potrebbe essere localmente intensa e accompagnata da forti grandinate.

  • Temperature in picchiata?

    La perturbazione che porterà la goccia fredda in lento spostamento verso oriente, con il maltempo che interesserà anche i settori tirrenici più meridionali, sarà causa anche di un forte crollo delle temperature. Tenendo infatti conto dei valori termici di partenza, i flussi più caldi provenienti dal nord-Africa saranno sostituiti da quelli molto più freschi di origine atlantica, causando un crollo anche dell’ordine di 10°C, se consideriamo anche la nuvolosità e le piogge. Tuttavia, questa è una previsione che ha bisogno di ulteriori conferme nel corso dei prossimi giorni.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: