Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 11 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – BREAK dell’INVERNO, l’ANTICICLONE torna alla CARICA dell’ITALIA con temperature in aumento graduale, i dettagli

METEO - L'INVERNO si mette in STAND-BY e lascia spazio all'ANTICICLONE che terrà sotto scacco l'ITALIA per alcuni giorni con temperature in graduale aumento, i dettagli

Torna l'Anticiclone, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 4
  • Torna la stabilità prevalente nel nostro Paese

    Nella giornata odierna è tornata un po’ di stabilità nel nostro Paese che mancava ormai da svariato tempo. La saccatura di origine polare che negli scorsi giorni aveva riportato per la prima volta nella stagione 2019/2020 la neve a quote pianeggianti sulle regioni settentrionali e condizioni di spiccato maltempo sul versante tirrenico, è oggi in spostamento verso oriente e già in queste ore sta interessando l’area balcanica.

    Anticiclone nuovamente libero di riprendere il controllo del Mediterraneo

    La saccatura di origine polare è in realtà sospinta da uno sbuffo anticiclonico, con un promontorio di Alta pressione che nella giornata odierna è riuscita a riprendersi il controllo di gran parte del Mediterraneo. Nonostante ciò essa non sarà comunque in grado di apportare condizioni di totale stabilità nel nostro Paese, anzi, permetterà alle correnti instabili di apportare qualche nota di maltempo a partire già da stasera, con nevicate al di sopra dei 1100/1200 metri sulle Alpi nordoccidentali.

    L’Alta pressione mostrerà segnali di cedimento già da lunedì/martedì

    Massime previste tra lunedì 16 e mercoledì 18 dicembre.

    L’Alta pressione tuttavia non è in grado di apportare prevalente stabilità duratura nel nostro Paese, non avendo la stessa forza che ha tipicamente durante i mesi estivi. Essa mostrerà infatti i primi segnali di cedimento già tra le giornate di lunedì 16 e martedì 17 dicembre, quando una saccatura di origine polare affonderà sul Mediterraneo occidentale e, traslando lentamente verso oriente, riporterà il maltempo sulle regioni nordoccidentali italiane.

  • Altrove il tempo rimarrà asciutto fino ad almeno mercoledì, con temperature in graduale aumento

    Sul resto del Paese il tempo rimarrà invece asciutto e in gran parte soleggiato fino ad almeno la giornata di mercoledì 18 dicembre. Qualche annuvolamento in più si riscontrerà sicuramente sul versante tirrenico, ma nulla che apporterà fenomeni di particolare rilevanza, non sul settore centro-meridionale almeno. Le temperature risulteranno in graduale aumento e in Sardegna torneranno a sfiorarsi i +20°C, come da immagine posta a corredo dell’articolo.

  • Anticiclone in ritirata fin dalle prime ore di giovedì?

    L’Anticiclone cederà in maniera abbastanza evidente fin dalle prime ore di giovedì 19 dicembre, quando la saccatura di origine polare in affondo sul Mediterraneo occidentale, proseguirà il suo cammino verso oriente fino a investire in maniera decisa il nostro Paese, innescando una ciclogenesi sul Tirreno. Il dominio anticiclonico potrebbe quindi concludersi in favore di un peggiore dai connotati sicuramente più autunnali che invernali, con temperature che alla quota di 850hPa (circa 1300 metri) risulteranno comunque sopra la media del periodo di qualche grado.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: