Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 7 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Forti NUBIFRAGI si sono abbattuti sulla Toscana, forti disagi per allagamenti. Esonda anche l’Arno! Ci sono evacuati, VIDEO di cosa sta succedendo

METEO - Forti TEMPORALI si sono abbattuti nel corso della nottata nel grossetano, venti evacuati e tetti crollati, i dettagli

Maltempo al nord-ovest, specie Liguria. Immagine repertorio, fonte pixabay.
1 di 4
  • Forte maltempo in Italia

    Nel corso della nottata odierna, del forte maltempo si è abbattuto sull’Italia grazie a un sistema temporalesco semistazionario che ha colpito soprattutto le località comprese tra l’alto Lazio e la bassa Toscana. Questo grazie a una depressione mediterranea in risalita dal nord-Africa che, posizionandosi sul Tirreno centro-settentrionale, ha creato non pochi problemi ai settori tirrenici in generale: dove infatti non c’è stata tanta pioggia, c’è stato però tanto vento, con lo scirocco che registrava raffiche prossime ai 100km/h.

    Nubifragi in Toscana, esonda l’Arno: non succedeva dal 1992

    Quest’ondata di maltempo che ha interessato e continua a farlo l’Italia, ha colpito duramente la Toscana provocando, come vedremo anche nei successivi paragrafi, pesanti disagi. I nubifragi hanno infatti mandato in piena l’Arno causandone l’esondazione nel basso fiorentino: si tratta di un evento eccezionale, per ritrovare un simile scenario bisogna tornare indietro di quasi 30 anni, precisamente nel 1992.

    Nubifragi tra bassa Toscana e alto Lazio, ci sono molti disagi

    Nel corso della nottata le situazioni di maggior criticità si sono avute tra l’alto Lazio e la bassa Toscana dove si è scatenata l’ira di veri e propri nubifragi, accompagnati anche da una frequente attività elettrica e da forti raffiche di vento. Stando a ciò che riporta il sito “ilgiunco.net” sono stati più di una cinquantina le richieste di intervento ai Vigili del Fuoco da ieri sera a questa mattina. Il forte vento ha anche abbattuto degli alberi, uno dei quali ha colpito un’abitazione. Di seguito potrete vedere un video – ripreso dall’account Youtube “Redazione Toscanaoggi” – che ritrae l’esondazione dell’Arno alla Sieci, in provincia di Firenze:

  • Tratta in salvo una persona disabile, due persone salvate anche a Capalbio

    Uno degli alberi caduti ai quali facevamo riferimento nel finale del precedente paragrafo, ha colpito l’abitazione di una persona disabile che è stata successivamente tratta in salvo dai Vigili del Fuoco. Non si è trattata di una operazione facile, dal momento che, stando sempre a ciò che riporta il medesimo sito, si trovava praticamente bloccata tra i calcinacci. A Capalbio sono state salvate dai Vigili del Fuoco anche altre due persone che erano rimaste bloccate all’interno dell’abitacolo della propria automobile per dei pesanti allagamenti.

  • Venti evacuati a Polversosa tra cui bambini, forti disagi alla circolazione in provincia

    La situazione di criticità e di potenziale pericolo ha indotto i Vigili del Fuoco a far evacuare circa venti persone nella località di Polversosa, sempre nel grossetano. Tra questi venti ci sarebbe la persona disabile tratta in salvo di cui abbiamo parlato nel precedente articolo e, sempre stando al medesimo sito di riferimento, anche quattro bambini di età compresa tra i 4 e i 10 anni. Nella provincia e soprattutto a Istia d’Ombrone si registrano forti disagi alla circolazione a causa della caduta di diversi alberi.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: