Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 3 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – FREDDO alle porte dell’ITALIA, forti NEVICATE stanno per abbattersi sullo stivale, ecco le regioni colpite

METEO - Il FREDDO è alle porte dell'ITALIA ed è pronto per abbattersi sul nostro Paese con NEVICATE a quote MEDIO-BASSE, ecco le regioni colpite nelle prossime ore

Neve, immagine di repertorio fonte Pixabay
1 di 4
  • Ultime ore di Alta pressione sulla nostra Penisola

    In queste ore si stanno vivendo le ultime ore di stabilità e tempo asciutto sulla nostra Penisola, dopo che l’Alta pressione di origine azzorriana per l’intera prima parte di gennaio fin ora, ha avvolto l’Italia e gran parte delle aree centro-occidentali del vecchio continente. In queste due settimane (e oltre) l’Anticiclone ha portato condizioni meteo di generale stabilità, ma le temperature non sono risultate così alte, anzi si sono aggirate spesso intorno alla media o lievemente oltre grazie al fenomeno dell’inversione termica.

    Qualche pioviggine al nordovest già da questo pomeriggio

    Le condizioni meteo di stabilità iniziano a vacillare in maniera evidente già a partire da questo pomeriggio sulle regioni nordoccidentali, soprattutto in Liguria dove qualche pioviggine non è esclusa fino alla sera, con accumuli tuttavia scarsi o del tutto assenti. Cieli in prevalenza nuvolosi su tutto il versante settentrionale tirrenico e sul resto delle regioni nordoccidentali quali Piemonte e Valle d’Aosta, ma con tempo che rimane pressoché asciutto.

    Perturbazione invernale in avvicinamento dai quadranti nordoccidentali

    Torna la neve a bassa quota sull’Italia.

    Le pioviggini che nel corso di questo tardo pomeriggio e della prima serata interessano la Liguria sono causate dall’imminente arrivo di una saccatura di origine polare marittima in affondo sull’Italia dai quadranti nordoccidentali. La saccatura scenderebbe sulle medie latitudini dominata da un vasto centro di bassa pressione presente tra le Isole Britanniche e l‘Islanda e causerà il ritorno di forte maltempo e nevicate a quote medio-basse sullo stivale.

  • Neve in arrivo sulle Alpi e sull’Appennino ligure già da questa sera

    A partire dunque già da questa sera le condizioni meteo inizieranno dunque a peggiorare sulle regioni nordoccidentali dove è previsto oltre che il ritorno del forte maltempo, anche il ritorno della neve copiosa a quote medio-basse. Questa sera sarà la volta delle Alpi, intorno a quota 900/1000 metri e dell’Appennino ligure con i fiocchi che scenderanno intorno alla medesima quota o leggermente al di sotto. Nella notte il maltempo però si estenderà su tutto il settentrione fino a coinvolgere entro la giornata di domani sabato 18 gennaio anche le regioni centrali.

  • Neve a quote basse anche in Emilia Romagna, intorno ai 1200 metri sull’Appennino centrale

    Nel corso della nottata come scritto nel precedente paragrafo il maltempo si dividerà in due fronti perturbati, uno che si dirigerà verso oriente e l’altro verso meridione. Nelle prime ore di domani sabato 18 gennaio dunque nevicate a quote basse sono previste nel piacentino, parmense e reggiano e precisamente intorno ai 500/600 metri, localmente anche più in basso. Nevicate che arriveranno ad interessare anche l’Appennino centrale intorno ai 1200 metri. Infine, in serata quota neve in abbassamento fin sui 300/400 metri sul Veneto meridionale.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e poi nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: