Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 13 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Importante svolta sull’emergenza climatica, modificato in laboratorio un batterio: ora può nutrirsi di CO2

METEO - Il campo biotecnologico ambientale e l'ingegneria genetica vengono in soccorso al clima: modificando il batterio dell'Escherichia Coli esso può nutrirsi di CO2 e trasformarla in biomassa, utile come biocarburante o come fonte di cibo

Batterio, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 2
  • Cambiamenti climatici, tema sempre più caldo nella comunità scientifica

    Nel pieno dell’emergenza sanitaria mondiale relativa al nuovo coronavirus, la comunità scientifica non perde comunque d’occhio di affrontare quelle che possono essere le prossime emergenze mondiali, tra cui si ricorda in particolare quella relativa al clima: l’innalzamento delle temperature medie globali dall’era post 2000 sta preoccupando una buona parte di scienziati, mentre c’è ancora una restante parte che rimane piuttosto cauta sul tema. In ogni caso, si cercano soluzioni in qualsiasi campo per far sì che venga sottratta quanta più anidride carbonica possibile dall’atmosfera, vista come principale responsabile del surriscaldamento globale grazie all'”effetto serra”.

    Modificato in laboratorio il batterio dell’Escherichia Coli

    Sulla questione sono quindi intervenuti diversi rami della scienza, compreso quello biotecnologico ambientale e l’ingegneria genetica. Sembrerebbe infatti riuscito, stando a quanto riporta il sito “ilbolive.unipd.it” un esperimento che aveva come sua finalità quello di modificare un batterio, nella fattispecie l’Escherichia Coli, per far sì che esso si cibasse di anidride carbonica trasformandola in biomassa secondo la nota legge formulata dal celebre chimico e biologo Lavoisier: “Nulla in natura si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma”. Quale trasformazione migliore dunque può subire un batterio se non quello di rendere utile un qualcosa di nocivo per l’uomo?

    Scienziati partiti dal punto esattamente opposto

    Innanzitutto bisogna premettere che il batterio dell’Escherichia Coli si annida nel nostro intestino e nel colon, vive a spese del nostro organismo, ma non porta né benefici e né danni per il nostro corpo. Esistono però certamente dei ceppi patogeni, ma parlare di questi non è l’obiettivo preposto di quest’editoriale, né tantomeno lo scrivente ha le basi per poterlo fare. Il batterio è però presente ad esempio anche nei mari e ad alte quantità può essere nocivo per l’essere umano: non a caso è il motivo di tanti divieti di balneazione vigenti in Italia. Modificare tale batterio non è stato facilissimo, considerando che gli scienziati partivano dal punto esattamente opposto: in quanto eterotrofo, si ciberebbe naturalmente di glucosio trasformandolo proprio in CO2!

  • Aggiunti dei geni al batterio in modo che gli enzimi siano in grado di sintetizzare la CO2 in sostanze organiche grazie all’energia solare

    Nel raggiungere l’obiettivo prefissato, gli scienziati avrebbero aggiunto, stando sempre a ciò che riporta il medesimo sito, dei geni all’Escherichia Coli in modo e maniera che gli enzimi che ne vengono codificati sono successivamente in grado di sintetizzare la CO2 trasformandola in sostanze organiche (utili come biocarburanti o come fonti di cibo) servendosi dell’energia solare. Questa possibile soluzione (non ancora in utilizzo) potrebbe aggiungersi a quella più naturale che consisterebbe semplicemente nel piantare alberi anziché deforestare.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: