Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 5 Aprile
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – Maltempo e FRONTE FREDDO in arrivo, poi SUPER BOLLA CALDA: ecco i dettagli

METEO ITALIA - Maltempo e FRONTE FREDDO in arrivo, poi SUPER BOLLA CALDA. Le PREVISIONI nel breve termine con un rapido sguardo, nelle pagine successive, a quello che potrebbe invece avvenire la prossima settimana. Tutti i dettagli

METEO ITALIA - Maltempo e FRONTE FREDDO in arrivo, poi SUPER BOLLA CALDA: ecco i dettagli
Meteo Italia, le PREVISIONI per oggi e focus maltempo. Poi un breve sguardo a quanto potrebbe avvenire nel medio termine, fonte: Pixbay
1 di 4
  • PREVISIONI METEO: neve e maltempo in arrivo sull’Italia, poi anticiclone in pompa magna pronto ad invadere ancora il Mediterraneo

    METEO – Le condizioni meteo in Italia risultano in rapido peggioramento a causa del transito di un esteso fronte freddo che porterà maltempo ed il ritorno della neve sull’Appennino (a quote medio-alte) e lungo l’arco alpino nelle prossime ore. Si tratta, tuttavia, di una perturbazione molto veloce che porterà precipitazioni a tratti intense ma con l’anticiclone che busserà presto alle porte della nostra Penisola. Una situazione piuttosto anomala dal punto di vista termico che prosegue ormai da oltre due mesi, caratterizzata soprattutto da temperature massime decisamente fuori stagione con valori più tardo primaverili che invernali. Il passaggio di oggi pomeriggio-sera e successive ore notturne non è altro che il ripetersi di un pattern meteorologico che va avanti da diverse settimane, sempre con lo stesso risultato finale.

    Torna la neve a quote medie, sull’Appennino in nottata fiocchi possibili al di sotto dei 1000-1200 metri

    L’Appennino è certamente uno dei settori più colpiti da un inverno così caldo e asciutto. La neve è mancata praticamente per tutta la stagione, eccezion fatta per i primi giorni di dicembre, mettendo letteralmente in ginocchio gli impianti sciistici e le località turistiche più famose. I fiocchi si spingeranno nel corso della serata e della nottata localmente al di sotto dei 1000-1200 metri, mentre nel momento in cui le precipitazioni risulteranno più intense vi saranno accumuli importanti oltre i 1400-1500 metri su Marche, Lazio, Abruzzo e Molise.

    Maltempo a tratti intenso sulle regioni adriatiche, piogge più occasionali sul Tirreno ma con possibili temporali

    Se sul settore adriatico si concentreranno le precipitazioni più intense, specialmente su Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia, anche sulle regioni tirreniche di Lazio, Toscana e Campania non mancheranno occasionali acquazzoni o brevi temporali. Il tutto si concentrerà comunque nel giro di pochissimo tempo e già nel corso della serata e della nottata i cieli si sgombreranno da nuvolosità significativa ovunque al Centro-Nord. Differente invece la situazione al Sud, dove i fenomeni si intensificheranno proprio alla sera.

  • Torna l’anticiclone sull’Italia, temperature in aumento già da domani

    A seguire, tuttavia, una nuova rimonta dell’anticiclone porterà bel tempo e sole prevalente su tutta la Penisola. Un’altra ”bolla calda” pronta ad esplodere sull’Italia portando così un generale aumento delle temperature e ampie schiarite da Nord a Sud. Il tutto a partire già dalla giornata di domani, quando residua nuvolosità tenderà ad alternarsi a schiarite sempre più ampie.

  • Per quanto riguarda l’evoluzione attesa nel lungo termine, un altro fronte freddo potrebbe investire le regioni mediterranee a metà della prossima settimana. Ma per questo tema è atteso uno specifico approfondimento con l’editoriale delle ore 9:30.

  • Per ulteriori dettagli vi ricordiamo come sempre di consultare il nostro canale Youtube.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: