Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 4 Aprile
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – Peggioramento con qualche PIOGGIA e VENTI in rinforzo, ecco le PREVISIONI

METEO ITALIA - Peggioramento con qualche PIOGGIA e VENTI in rinforzo, vediamo tutti i dettagli e i settori più esposti

METEO ITALIA - Peggioramento con qualche PIOGGIA e VENTI in rinforzo, ecco le PREVISIONI
Meteo Italia, fonte immagine: Pixabay
1 di 4
  • METEO ITALIA – Correnti umide e instabili in ingresso sulla nostra Penisola, aumentano le nubi e torna qualche pioggia. Vediamo i dettagli

    PREVISIONI METEO – Nonostante i valori pressori molto elevati che è possibile misurare in queste ore (tutta la Penisola oscilla tra 1030 hPa e 1035 hPa), l’ingresso di correnti umide e instabili porteranno qualche disturbo meteo sull’Italia. Già a partire dalla giornata odierna infatti la nuvolosità medio-alta tenderà a subire un generale aumento a partire dalle regioni tirreniche e dal Nord Ovest, con la possibilità che nelle ore serali e notturne possano verificarsi delle deboli piogge ad essa associate. Si tratterà di fenomeni deboli o al più moderati, ma possiamo comunque ritenerlo un generale peggioramento rispetto a quanto avvenuto nei giorni scorsi. Come spiegheremo anche nella pagina successiva dell’editoriale, a rinforzarsi saranno anche i venti a causa dell’approfondimento di un esteso vortice ciclonico nel Nord Europa.

    Qualche pioggia anche in Sardegna nelle prossime ore

    Un blando sistema perturbato ad Ovest della Sardegna, tenderà a muoversi nelle prossime ore gradualmente verso Est, dando luogo così a locali o deboli piogge sui settori occidentali dell’isola. Le precipitazioni potranno estendersi anche ai rimanenti settori nel corso del pomeriggio e in nottata.

    Torna anche la NEVE sui su rilievi

    Per la gioia degli sciatori, qualche fiocco di neve tornerà ad affacciarsi lungo i rilievi alpini e appenninici, anche se a partire da quote piuttosto elevate e ben superiori rispetto i 1000 metri. Già nel corso delle ore serali e notturne, molte nubi tenderanno ad addossarsi sul versante estero delle nostre Alpi con i fenomeni più intensi che tenderanno ad interessare la Valle d’Aosta e l’alto Piemonte.

  • Il ciclone CIARA può influire anche sul nostro Paese, vediamo come

    Lo stiamo conoscendo in queste ore grazie al nome che il centro meteorologico di Berlino gli ha assegnato da poco. Stiamo parlando del ciclone Ciara, la cui pressione minima toccherà valori prossimi ai 940 hPa. Questo determinerà la genesi di ventilazione a tratti molto intensa non solo su gran parte del continente europeo ma anche sulla nostra Penisola. Le regioni centro-settentrionali infatti verranno in parte lambite dall’elevato gradiente barico che andrà a formarsi, sono quindi attesi venti da Ovest  fino a 60-70 chilometri orari di raffica.

  • TENDENZA prossimi giorni, possibile affondo polare?

    I modelli matematici soprattutto per la seconda parte della prossima settimana propongono un discreto affondo polare sulla nostra Penisola, con il ritorno della neve a quote basse. Sarà vera gloria per il proseguo dell’Inverno?

  • Per avere delle risposte, continuate a seguirci oggi sul nostro sito web: vi aspettano moltissimi editoriali ed approfondimenti per tutta la domenica!

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: