Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 28 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – L’INVERNO è pronto ad esplodere con un CROLLO TERMICO e possibile NEVE in arrivo, ecco quando

METEO - L'INVERNO è pronto ad ESPLODERE dopo una prima parte di anonimato, previsto un CROLLO TERMICO con possibili NEVICATE annesse verso il termine della prima decade di FEBBRAIO, i dettagli

Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.
Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 4
  • Cronaca di un inverno fin qui anonimo

    Fin ora quest’inverno si candida ad essere sicuramente uno tra i peggiori degli ultimi decenni. Non tanto per la mancanza di freddo sulla nostra Penisola, le temperature sono forse l’unica cosa che si salva della stagione, in quanto spesso sono risultate allineate alla media o anche leggermente al di sotto, grazie al fenomeno dell’inversione termica tipica del regime anticiclonico. Ma proprio perché la prima parte di questa stagione è stata piuttosto anticiclonica, gli Appennini si mostrano completamente spogli di neve, quando siamo ormai al termine del mese di gennaio.

    Fronte polare per i giorni della merla

    Per i giorni della merla che sono tradizionalmente i giorni più freddi dell’anno e che sono convenzionalmente assegnati al 29, 30 e 31 gennaio (o trasposti tutti di un giorno in avanti) un fronte polare è in arrivo sulla nostra Penisola. Esso apporterà condizioni di maltempo poco organizzato a causa della mancanza di un minimo depressionario che strutturi una vera e propria perturbazione. Fenomeni nevosi anche persistenti e particolarmente abbondanti sono previsti sulle Alpi, soprattutto del settore nordoccidentale.

    Candelora con l’Alta pressione

    Crollo termico in arrivo in Italia sul finire della prima decade?

    Successivamente già a partire dai primissimi giorni di febbraio, il fronte polare in questione scivolerà verso oriente interessando principalmente la penisola balcanica e lasciando campo libero alla rimonta di un nuovo vasto e robusto promontorio anticiclonico non solo sulla nostra Penisola, ma sull’intero bacino del Mediterraneo centro-occidentale. L’Alta pressione caratterizzerà l’Italia per i primi giorni del mese, anche la Candelora.

  • Successivo crollo termico?

    Esistono diversi detti popolari per la Candelora, uno di questi (toscano) recita così “Pella ‘Andelora se pioe o se gragnola dell’inverno semo fora, ma se sole o solicello semo ancor in mezzo a i’verno“. Naturalmente i detti popolari non hanno alcuna base scientifica, anzi, a seconda della regione, il detto per la Candelora arriva addirittura a ribaltarsi. Questa volta però, il detto toscano sembra poterla spuntare in maniera anche abbastanza evidente: dagli spaghi della Capitale messi a corredo dell’articolo nella pagina precedente è infatti eloquente il calo termico previsto entro il finire della prima decade di febbraio, ma a cosa è dovuto?

  • Possibile ondata di freddo artico?

    Il calo termico che spicca all’occhio non appena si guardano gli spaghi di qualsiasi località italiana per il termine della prima decade di febbraio, sarebbe dovuto ad una saccatura di origine artico marittima che, staccandosi direttamente dalle Isole Svalbard, arriva a coinvolgere in pieno la nostra Penisola, almeno stando agli ultimi aggiornamenti del modello americano GFS. Tuttavia, data la distanza temporale è una tendenza che necessita di ulteriori conferme, pertanto vi invitiamo a seguire i prossimi aggiornamenti sul nostro sito.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: