Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 1 Aprile
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Possibile SCIABOLATA ARTICA in arrivo in ITALIA con NEVE a MEDIO-BASSA QUOTA, ecco quando

METEO - ATTENZIONE, possibile SCIABOLATA ARTICA in arrivo sull'ITALIA per metà marzo, arrivano parziali conferme dal modello americano GFS, sarà colpo di coda invernale?

Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 2
  • Incorriamo in un weekend perturbato

    Il fine settimana che sta ormai giungendo sarà un weekend prevalentemente di maltempo. Gli effetti dell’Alta pressione si faranno sentire fino alla prima metà di giornata di domani sabato 29 febbraio, quando le condizioni meteo risulteranno ancora generalmente stabili sull’Italia. Successivamente, il maltempo verrà portato da una vasta area depressionaria presente attualmente in aperto Oceano che punterà il Mediterraneo nella serata di domani.

    Prima decade di marzo piuttosto dinamica

    Rispetto a quanto rinvenuto nel corso degli ultimi due mesi invernali, gennaio e febbraio, in particolar modo il primo, nei prossimi giorni si vivrà in Italia una situazione meteorologica nettamente più dinamica con l’ingresso di numerose perturbazioni di origine nordatlantica, con piogge in pianura occasionalmente accompagnate da attività elettrica e neve in montagna, soprattutto sulle Alpi. Il miglioramento generale del tempo di oggi dunque, è solo temporaneo, in attesa della serie di peggioramenti che interesseranno la nostra Penisola nella prima decade di marzo.

    A seguire possibile colpo di coda invernale

    Freddo e neve in arrivo per metà marzo? Per ora solo un’ipotesi mostrata dal modello americano GFS.

    Dopo una prima decade di marzo e quindi di primavera meteorologica che si travestirà più di autunno, a seguire e per circa la metà del mese è possibile un’ondata di freddo artico sul nostro Paese. Dell’eventualità avevamo già scritto un editoriale nella giornata di ieri e nel corso di questo pomeriggio il modello americano GFS sembra confermare in maniera parziale la tendenza mostrata esatte 24 ore fa. Addirittura quest’oggi mostra un moto retrogrado del freddo proveniente da est/nord-est. In ogni caso, si tratterebbe quasi sicuramente dell’ultima ondata di freddo stagionale, entriamo dunque nel dettaglio.

  • Possibile neve a quote medio-basse, soprattutto sul versante adriatico

    Seppur in modalità differenti (ma non potrebbe essere altrimenti data l’elevata distanza temporale), il modello americano GFS nel suo aggiornamento pomeridiano delle 12utc confermerebbe l’ondata di freddo artico già ipotizzata nella giornata di ieri per metà marzo. Oggi però, vedrebbe il freddo fare ingresso sullo stivale da est/nord-est attraverso il moto retrogrado che assumerebbe il freddo stesso. Ciò porterebbe neve a quote medio-basse lungo il versante adriatico, ma chiaramente dal momento che è ancora improbabile che l’evoluzione al freddo trovi effettivo riscontro, è anche piuttosto azzardato dire le eventuali zone colpite. Vi invitiamo pertanto a seguire i prossimi aggiornamenti in tal senso sul nostro sito.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: