Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 9 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO SETTEMBRE – Torna in pista l’ipotesi MALTEMPO, ecco l’evoluzione proposta da GFS

METEO SETTEMBRE - Torna in pista l'ipotesi del maltempo ecco l'evoluzione proposta da GFS

Shelf cloud, immagine di repertorio fonte Wikimedia Commons.
1 di 4
  • Alta pressione in fase di indebolimento

    L’Alta pressione di matrice afro-azzorriana che nei passati giorni con alti e bassi ha caratterizzato il clima italiano, con il suo apice di caldo raggiunto nella giornata di ieri martedì 20 agosto, sta mostrando e mostrerà in modalità ancora più evidenti da domani 22 i primi segnali di indebolimento della sua struttura anticiclonica. Questo a causa di una forte ondulazione del getto atlantico presente oggi sull’Europa centrale e che nella giornata di domani tenterà un leggero affondo sul nord Italia, con temperature in lieve calo e graduale calo in tutto il Paese.

    Domani maltempo al nord e Appennino centro-settentrionale

    Il leggero affondo sul nord Italia delle correnti di origine atlantica prima menzionate avrà come risultato un ulteriore peggioramento delle condizioni meteo sulle regioni settentrionali (alcune delle quali hanno fatto i conti con le piogge già da oggi) con piogge e temporali che interesseranno anche regioni che nella giornata odierna sono rimaste all’asciutto come l’Emilia-Romagna. Condizioni meteo in peggioramento anche lungo la dorsale appenninica centro-settentrionale, con la formazione pomeridiana di temporali convettivi anche intensi. Le temperature subiranno un brusco calo laddove i fenomeni colpiranno più duramente.

    Torna in pista l’ipotesi maltempo per inizio autunno meteorologico

    Maltempo sempre più probabile per i primi di settembre.

    Dopo l’aggiornamento pomeridiano negativo in tal senso della giornata di ieri del modello americano GFS, con l’aggiornamento pomeridiano odierno torna in pista l’ipotesi di maltempo sull’Italia proprio in concomitanza dell’inizio dell’autunno meteorologico. In particolare esso prevede degli afflussi di aria nord-atlantica sempre più preponderanti sul Mediterraneo, con conseguente maltempo e leggero calo delle temperature. Ma prima di arrivare a settembre, il nostro stivale sarà interessato da almeno 2 fasi di instabilità, vediamo quando ci interesseranno.

  • Primo break atteso per questo week-end

    Il primo dei due break è atteso per questo fine settimana, quando infiltrazioni di aria umida si insinueranno sotto la cupola anticiclonica provocando lo sviluppo pomeridiano di forti temporali convettivi in estensioni sulle pianure circostanti. L’aria umida e più fresca a contrasto con aria calda stagnante figlia di un Agosto in predominanza anticiclonica genererà un mix perfetto per la nascita di questi temporali, che entro la giornata di sabato 24 agosto potranno interessare i settori costieri, soprattutto delle centrali tirreniche.

  • Secondo break atteso la settimana prossima

    Stando alle attuali emissioni modellistiche dei principali centri di calcolo, sembrerebbe che il secondo break che accompagna la fine dell’estate meteorologica sia previsto per la settimana prossima, precisamente da martedì 27 agosto in poi, quando una profonda saccatura di origine atlantica si farà strada da nord-ovest interessando prima l’Europa occidentale e successivamente anche l’Italia con maltempo e temperature che tutto sommato rimangono però intorno alla media del periodo.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia e sulla Lombardia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: