Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 20 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Sospetta TROMBA D’ARIA devasta un TENNIS CLUB al nord ITALIA, danni ingenti di oltre 100mila euro, ecco dove

METEO - Sospetta TROMBA D'ARIA si è abbattuta a Chiavari (GE) nella giornata di ieri, danni ingenti in un TENNIS CLUB, i dettagli

Danni da tornado, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 4
  • Sospetta tromba d’aria a Chiavari

    Come ormai di consueto negli ultimi anni, le fasi di maltempo sono sempre più brevi, ma intense e soprattutto nel periodo autunnale spesso apportano danni economici anche consistenti (e a volte persino perdite di vite umane). E’ stato il caso anche dell’ondata di maltempo che ha coinvolto il nostro Paese nella giornata di ieri, con una sospetta tromba d’aria a Chiavari (GE) in Liguria, regione già martoriata dalle pesanti piogge, che ha colpito in special modo, come vedremo, un tennis club, fortunatamente non causando vittime.

    Perché utilizziamo il termine “sospetta”

    Abbiamo utilizzato e utilizzeremo il termine “sospetta” in riferimento alla tromba d’aria in questo articolo in quanto nessuna testimonianza parla di un vortice o una nube a imbuto che ha toccato terra, né ci sono video che testimoniano la presenza del vortice. Potrebbe essere stata una raffica intensa di downburst, ovvero un vento discensionale in caduta da un intenso temporale. I danni molto localizzati fanno però presagire alla prima ipotesi.

    Coinvolto il Tennis Club di Chiavari con 4 campi su 5 distrutti, circa 100mila euro di danni

    Grave maltempo sulla Liguria nella giornata di ieri.

    La sospetta tromba d’aria dunque si sarebbe generata in mare e avrebbe interessato l’entroterra ligure, colpendo il Tennis Club della città di Chiavari, nel genovese e distruggendo, stando a quanto riporta la testata giornalistica “primocanale“, ben quattro dei cinque campi da tennis del club. Il quinto risulterebbe comunque danneggiato. Il danno stimato da Fabio Marchione, maestro al Tennis Chiavari, in un’intervista di “Teleradiopace” è di circa 100mila euro.

  • VIDEO – Volato il pallone, divelti pali della luce, fari a LED e recinzioni

    Secondo quanto testimoniato sempre da Fabio Marchione nel corso della medesima intervista, la tromba d’aria avrebbe creato dunque numerosi danni, tra cui il pallone del campo di tennis volato via, che ora dovrà essere recuperato attraverso un trattamento apposito essendo rivestito di una plastica particolare. Inoltre, sarebbero state divelti anche i pali della luce, i fari a LED dei campi e le recinzioni. Caduti anche due alberi secolari ai lati di un campo, secondo quanto riportato da “primocanale“. Riportiamo l’intervista di “Teleradiopace” caricata nel loro canale Youtube.

  • Accumuli di pioggia ingenti in Liguria ieri

    Unitamente a quanto scritto nel corso di quest’articolo, come già specificato in un altro paragrafo, l’intensità della pioggia non ha sicuramente aiutato molte aree liguri nella giornata di ieri, anzi ha aggravato parecchie condizioni causando disagi e altri danni. Basti pensare che Fabbriche, località sita nel genovese occidentale, ha raggiunto nella sola giornata di ieri un accumulo molto vicino ai 500 millimetri, l’accumulo medio di 6 mesi per le città italiane.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: