Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 16 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

Bevi regolarmente birra? Ecco cosa sta succedendo al tuo corpo!

Cosa succede al vostro corpo se bevete troppa birra? Ecco i risultati di un esperimento

effetti birra corpo
Bevi regolarmente birra? Ecco cosa sta succedendo al tuo corpo! - Foto L'Indro
1 di 3
  • Se bevete molta birra ecco cosa vi accadrà

    Siete dei grandi amanti della birra? A casa o con gli amici, proprio non potete farne a meno? Vi capiamo. La birra è, insieme al vino, la bevanda alcolica per eccellenza che ha stregato milioni di persone in tutto il mondo. Rossa, chiara, doppio malto e via dicendo, la birra è la perfetta compagna di serate, in casa o all’aperto. Ma attenzione, non parliamo di una bevanda così salutare. Cosa succede, infatti, se ne beviamo troppa? Scopriamolo insieme.

    Gli effetti della birra: le prime due settimane

    Prima di scoprire cosa succede al nostro organismo, andiamo a definire la parola “troppa”: si intende almeno 4 litri a settimana, dunque diverse bottiglie di dimensione media ogni sette giorni. A studiare gli effetti della birra (a lungo termine) sul corpo umano è stato l’editore del sito Bright Side, che ha sperimentato sulla propria pelle cosa comporta per l’organismo bere due pinte di birra al giorno per un mese. I risultati si sono visti già dopo una settimana: l’editore ha iniziato ad accusare frequenti mal di testa, cosa che prima non accadeva, occhiaie non poco evidenti e un gonfiore generale sul viso. E non è finita qui: nelle due settimane successive la “cavia” aveva seri difficoltà ad alzarsi presto la mattina (e a non gettar via malamente la sveglia) e impiegava almeno 40 minuti per addormentarsi. E la birra aveva conseguenze anche sul lavoro: se prima l’editore riusciva a lavorare per 3-4 ore consecutive, senza pause, dopo due settimane di test il tempo di è ridotto a 1-2 ore di fila. Con inevitabile ricorso a una bella tazza di caffè prima di iniziare la giornata.

    Effetti della birra: le ultime due settimane

    Non va affatto meglio nella terza settimana di test: l’editore ha iniziato a diventare sempre più irritabile, anche per cose futili, e ad avvertire il bisogno di fermarsi un po’ dopo ogni singola ora di lavoro al pc. E l’insofferenza di andare a casa e riposare era sempre più forte, frutto di un livello di difficoltà sempre più alto nel concentrarsi. E nell’ultima settimana è arrivato anche quel gonfiore alla pancia tipico di chi beve molto spesso birra. Gli effetti si sono visti anche sull’attività fisica: l’editore, a quanto dice, praticava jogging tra le 10 e le 14 volte al mese, ma “l’influenza della birra” lo ha portato prima a decidere di rinunciare a qualche uscita, da un punto di vista psicologico ma anche fisico, e poi a limitarsi a sole 5 sessioni al mese. Con la metà dei chilometri percorsi rispetto a prima… dunque, cari amanti della birra, fate attenzione a non esagerare per non creare disagi al vostro organismo! La dose consigliata? Secondo il sito HumanitaSalute.it, non più di una birra al giorno da consumare durante i pasti!

    (Fonte Brightside.me)

  • Il cambiamento climatico modificherà il consumo di birra: ecco come e perché

    Presto, il riscaldamento globale potrebbe causare ingenti perdite nel raccolto globale di orzo. Tra i prodotti di maggior uso comune a base del cereale, uno dei più diffusi e consumati è certamente la birra. Quali saranno, dunque, gli effetti del mercato sul possibile crollo delle produzioni di orzo? Nefaste, se siate amanti della ‘bionda’: meno birre prodotte e prezzi decisamente più alti.

    Di quanto aumenterà il prezzo della birra?

    A pubblicare lo studio in questione è stato il sito scientifico Nature Plants: secondo l’analisi effettuata dai ricercatori dell’Università dell’East Anglia, infatti, siccità estrema e ondata di calore potrebbero ridurre il consumo mondiale di birra del 16%, ovvero di 29 miliardi di litri (l’equivalente di quanta ne viene bevuta ogni anno negli Stati Uniti) e far aumentare il prezzo del 100%. Negli scenari meno drastici, il consumo mondiale potrebbe calare del 4% e il prezzo delle birre aumentare del 15%.

  • Cambiamenti climatici e birra: quali paesi ne risentiranno maggiormente?

    Per produrre la birra viene utilizzato solo il 17% dell’orzo mondiale, ovvero quello di maggiore qualità: la restante parte è per lo più riservata a mangimi animali. Ma sarà proprio l’orzo di maggiore qualità a risentire gli effetti causati dal riscaldamento globale: in caso di necessità, infatti, ad essere penalizzati sono i beni di lusso. I cali di consumo si registreranno maggiormente in nazioni come Cina e Regno Unito, che di recente hanno fatto registrare un aumento del consumo di birra.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

Ti potrebbe interessare anche...

SEGUICI SU: