Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 11 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

Dieta dei vichinghi, cosa mangiare per rinforzare la memoria e perdere peso

Ecco i cibi perfetti per stimolare la memoria e purificare l'organismo

dieta vichinghi
Dieta dei vichinghi, cosa mangiare per rinforzare la memoria e perdere peso - Foto PixaBay
1 di 2
  • La dieta dei vichinghi per rinforzare la memoria

    Cercate un programma alimentare fatto di cibi sani e che vi aiuti a rinforzare la memoria? Ecco a voi la dieta dei vichinghi, riportata da DiLei.it e basata appunto su alimenti essenziali per stimolare i ricordi e, all’occorrenza, perdere peso. Questo schema prende il nome dalle abitudini alimentari dei paesi nord del Nord Europa (soprattutto quelli più vicini alla Scandinavia, dove appunto in passato vivevano i vichinghi).

    Cosa si mangia

    I protagonisti principali della dieta dei vichinghi, spiega DiLei.it, sono pesce (soprattutto salmone e stoccafisso), carne (che però non deve provenire da allevamenti intensivi) verdure e cereali integrali. A questi vanno poi aggiunti patate, uova biologiche, frutti di bosco, miele, sciroppo d’acero, legumi, carote e derivati della soia. L’insieme di questi cibi garantirà lo stimolo del sistema nervoso e di quello legato alla memoria, il tutto attraverso un’alimentazione sana.

    Altri suggerimenti

    É importante dosare bene le proporzioni senza esagerare e bere anche molta acqua, almeno 8 bicchieri al giorno. Si consiglia anche di ridurre il consumo di succhi di frutta e burro ed eliminare bevande gassate, zuccherate, alcoliche (anche il vino) ed energy drink oltre che il junk food. Prima di iniziare questo tipo di dieta si raccomanda però di consultare il medico o nutrizionista di fiducia.

  • Gli studi sulla dieta dei vichinghi

    La dieta dei vichinghi era stata presa in esame nel 2017 da alcuni ricercatori finlandesi per uno studio riportato sul Journal of the American Medical Directors Association: essi hanno sottoposto 962 persone dell’età media di 61 anni a un questionario sulle loro abitudini alimentari e ne hanno seguito gli sviluppi nei dieci anni a venire.

    I risultati

    Il team di scienziati che ha analizzato i risultati di quello studio fatto dieci anni prima, riporta la rivista scientifica statunitense, ha scoperto che chi aderiva alla dieta dei vichinghi (anche se non totalmente, ma in buona parte) aveva una più bassa incidenza di casi di limitazione della mobilità e di difficoltà nel prendersi cura di sé in età avanzata. Ulteriori benefici di una dieta dei vichinghi che promette “miracoli”!

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Reda

Giornalista pubblicista dal 2013, esperto e specializzato in calcio e altri sport ma anche spettacoli tv, attualità, cronaca, salute e alpinismo. Musicista semi professionista, batterista e cantante dall'infanzia. Tifoso e appassionato della AS Roma ma anche di serie tv e cinema.

SEGUICI SU: