Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 22 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Green Pass ridotto a sei mesi? Ecco cosa sta pensando di fare il governo

La stretta sul Green Pass sarebbe già sul tavolo del governo: ecco quando potrebbe entrare in vigore

Green Pass ridotto a sei mesi? Ecco cosa sta pensando di fare il governo
Green Pass, il governo potrebbe ridurne la durata- Foto Pixabay
1 di 2
  • Ecco perché il Governo attenderà l’inizio di dicembre per modificare le norme relative al rilascio della certificazione verde

    La prima settimana di dicembre potrebbe essere decisiva per quanto riguarda la stretta sul Green Pass. L’intento del Governo appare chiaro: fino alla fine di novembre si punterà ad aumentare la percentuale dei vaccinati sul territorio nazionale e a fornire la terza dose per gli over 40. La stretta sui tamponi è già sul tavolo del Governo e se ne sta discutendo. Il booster, ossia la terza dose, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, sarebbe fondamentale per rafforzare la risposta immunitaria. Da leggere anche L’ISS ammette: “Il 50 per cento dei ricoverati è vaccinato”

    Durata del green pass dopo la terza dose

    A seguito della terza dose, viene emessa una certificazione il giorno seguente all’avvenuta vaccinazione. L’aggiornamento della certificazione viene effettuato in maniera automatica. La validità è pari a 12 mesi. Sebbene i vaccini si stiano dimostrando molto efficaci nel contrastare i ricoveri intensivi dovuti a Covid-19, l’efficacia sta iniziando a venire meno. Ecco perché il Governo attenderà la fine di novembre prima di effettuare alcune modifiche relative al rilascio del Green Pass. Verrà data priorità a chi non si è ancora immunizzato e a chi necessita della terza dose.

    Riduzione della durata della certificazione verde a 6 mesi?

    Nella circostanza in cui la percentuale dei vaccinati con ciclo completo non salisse nelle prossime settimane, il Governo potrebbe ridurre la certificazione della validità del green pass a 6 mesi. Numerosi scienziati infatti evidenziano come a distanza di 6 mesi dal completamento vaccinale, il vaccino si dimostra meno efficace, a prescindere dalla fascia di età. La riduzione della durata della certificazione verde a 6 mesi, al momento, sembrerebbe l’ipotesi più probabile: tuttavia, il passaggio da 12 a 9 mesi non è da escludere del tutto, visto che si tratterebbe di una via di mezzo che accontenterebbe molti partiti. A livello governativo, inoltre, si valuta con attenzione il rilascio del green pass solo ai guariti e ai vaccinati. CONTINUA A LEGGERE..

  • Accesso solo ai vaccinati e ai guariti per le attività del tempo libero?

    Numerosi politici prendono come modello la soluzione severa messa in pratica in Austria, lasciando libere le attività del tempo libero limitatamente ai guariti e ai vaccinati. La decisione in oggetto è dovuta alla volontà di arrestare i contagi che, nel corso dell’inverno, potrebbero aumentare, comportando seri rischi alle persone più fragili che si sono vaccinate nella primavera del 2021. La priorità, pertanto, consiste nello scongiurare il pericoloso incubo delle zone rosse.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per importanti siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia passione innata per il giornalismo.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia