Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

I probiotici possono aiutare a curare le coliche nei neonati

I probiotici possono aiutare a curare le coliche nei neonati, studio italiano

I probiotici possono aiutare a curare le coliche nei neonati, foto: Pixabay
1 di 3
  • I probiotici possono aiutare a curare le coliche nei neonati

    I probiotici – o “batteri buoni” – sono stati usati per trattare la colica infantile con successo. In un nuovo studio, condotto dai ricercatori italinai, gli scienziati hanno dimostrato che le gocce contenenti un particolare ceppo probiotico (Bifidobacterium animalis subsp. Lactis BB-12) hanno ridotto la durata del pianto quotidiano di oltre il 50% nell’80% dei 40 bambini che hanno ricevuto il probiotico una volta al giorno per 28 giorni, con effetti benefici sulla durata del sonno e sulla frequenza e consistenza delle feci.

    La ricerca

    I probiotici – o “batteri buoni” – sono stati usati per trattare la colica infantile. In un nuovo studio italiano pubblicato sulla rivista Alimentary Pharmacology & Therapeutics, i ricercatori hanno scoperto che le gocce contenenti un particolare ceppo probiotico (Bifidobacterium animalis subsp. Lactis BB-12) hanno ridotto la durata del pianto giornaliero di oltre il 50% nell’80% dei 40 neonati che hanno ricevuto il probiotico una volta al giorno per 28 giorni, con effetti benefici sulla durata del sonno e sulla frequenza e consistenza delle feci. Questo rispetto a solo il 32,5% dei 40 bambini che hanno ricevuto placebo.

    I ricercatori italiani

    Lo studio è stato condotto dai ricercatori italiani Rita Nocerino, Francesca De Filippis, Gaetano Cecere, Antonio Marino, Maria Micillo, Carmen Di Scala, Carmen de Caro, Antonio Calignano, Cristina Bruno, Lorella Paparo, Anna M. Iannicelli, Linda Cosenza, Ylenia Maddalena, Giusy della Gatta, Serena Coppola, Laura Carucci, Danilo Ercolini, Roberto Berni Canan

  • La colica infantile

    La colica infantile è un disturbo gastrointestinale molto comune che colpisce fino al 25% dei bambini nei primi 3 mesi di vita e, sebbene sia una condizione benigna, è fonte di grave disagio per i bambini e le loro famiglie. È associato a depressione materna postpartum, interruzione precoce dell’allattamento al seno, senso di colpa e frustrazione dei genitori, sindrome del bambino scosso, visite multiple da parte del medico, uso di droghe, cambio di formula e risultati avversi a lungo termine come allergie, comportamento e problemi del sonno.

    Le osservazioni

    L’effetto osservato nello studio è stato associato a una modulazione positiva del microbioma intestinale, con una maggiore produzione batterica di butirrato, un acido grasso a catena corta in grado di regolare positivamente il tempo di transito intestinale, la percezione del dolore, l’asse intestino-cervello e l’infiammazione .

  • Le dichiarazioni dell’autore

    “Il nostro studio fornisce prove dell’importante ruolo del microbiota intestinale come obiettivo di intervento contro le coliche infantili“, ha affermato l’autore della ricerca Roberto Berni Canani, ricercatore dell’Università di Napoli “Federico II”, in Italia. “È importante sottolineare che questo studio ha studiato uno specifico ceppo probiotico ben caratterizzato e che questi risultati non possono essere estrapolati per altri ceppi probiotici“.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: