Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 25 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

Influenza 2019, come prevenirla? I preziosi consigli dell’esperto

Il professor Matteo Bassetti analizza l'influenza in arrivo in Italia

influenza raffreddore
Come riconoscere un semplice raffreddore dall'influenza: ecco tutti i segreti e i sintomi del virus - Foto PixaBay
1 di 3
  • Arriva l’influenza 2019: come sarà?

    Il mese di novembre è ormai alle porte e il maltempo ha già colpito l’Italia nelle scorse settimane. Di conseguenza ha fatto la sua comparsa anche l’influenza 2019, con il primo caso grave registrato all’Ospedale di Udine. Anche se non si tratta ancora del vero e proprio virus che avrà il suo picco in inverno, la previsione che è questa influenza sarà più aggressiva degli scorsi anni e colpirà circa 7 milioni di italiani (con possibili complicazioni anche per persone sane).

    Benedetta de Mattei ha intervistato (per San Marino RTV) Matteo Bassetti – Professore Ordinario di Malattie Infettive presso l’Università degli studi di Genova e Direttore Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova, il quale ha fatto luce sull’influenza 2019.

    Quali saranno i virus che circoleranno quest’anno?

    I virus che circoleranno quest’anno avranno una maggiore aggressività e saranno principalmente quattro: due di tipologia A e due di tipologia B, che sono poi quelli contenuti nel vaccino antinfluenzale quadrivalente. I due virus di tipologia A sono l’H3N2, che è lo stesso che ha colpito il paziente di Udine, e l’H1N1 che è il cosiddetto virus della suina circolato già negli anni passati. Gli altri due virus sono invece il B Colorado e il B Phuket. La forma influenzale di quest’anno può colpire anche le persone sane e non esiste una categoria di soggetti risparmiata dalle potenziali complicanze.

    Quali sono i principali sintomi?

    In genere l’influenza ha una preponderanza di sintomi respiratori, febbre, dolori articolari, stanchezza, dispnea e disturbi gastrointestinali come nausea e vomito. […] Quest’influenza può avere un andamento maggiormente aggressivo. […]

  • Chi sarà maggiormente colpito?

    Si prevede che l’influenza colpirà quest’anno tra i 6 e i 7 milioni di italiani. Il numero è in aumento rispetto allo scorso anno e, anche se non raggiungeremo i numeri straordinari della stagione 2017/18, vi sarà una maggiore aggressività. Le categorie più a rischio sono gli anziani e le persone immunodepresse o con altri tipi di malattie (respiratorie, asmatiche, cardiologiche). […] Poi non escluderei i bambini che sono un’altra categoria a grande rischio.

    Quali accorgimenti in caso di influenza?

    -Riposo a casa
    -Non prendere antibiotici, se non prescritti dal proprio medico
    -Laddove subentrino delle complicanze respiratorie farsi vedere dal dottore, e se particolarmente gravi recarsi in ospedale.
    -Usare gli antipiretici solo quando la febbre sale sopra 38/38.5.
    -Dieta leggera, possibilmente con tanti liquidi e priva di cibi complessi.
    -Mangiare i classici pasta o riso in bianco, patate, brodino, te, e prediligere le verdure cotte a quelle crude
    .

    (Fonte San Marino RTV)

  • C’è attualmente grande allarme sulle antibiotico-resistenze?

    Purtroppo in Italia c’è un enorme abuso di antibiotici e questo, a mio avviso, è dato da un problema culturale del nostro paese. Si prescrivono spesso antibiotici anche quando si tratta di malattie virali come l’influenza mentre va ricordato che l’antibiotico non contratta i virus ma solo i batteri. La gente è convinta che l’utilizzo di antibiotici aiuti a proteggersi, e spesso li assume anche in autoprescrizione, mentre non si rende conto che fa il proprio male. Siamo in questo tra i paesi peggiori d’Europa e in generale al mondo. Anche per questo vaccinarsi contro l’influenza e le atre malattie infettive è importante. E’ un atto d’amore verso noi stessi, verso gli altri e verso l’ambiente che ci circonda, poiché mentre un buon utilizzo degli antibiotici agisce in maniera positiva nei confronti dei batteri che circolano, un mal utilizzo, soprattutto durante l’influenza, non fa altro che rinforzarli. I batteri stanno diventando sempre più resistenti agli antibiotici e questo rappresenterà nel futuro una vera e propria emergenza medica.

    Quali consigli può darci per affrontare al meglio i virus in arrivo?

    Mangiare in maniera sana, lavarsi spesso le mani, vivere all’aria aperta e vaccinarsi.

    Benedetta de Mattei

    (Fonte San Marino RTV)

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Reda

Giornalista pubblicista dal 2013, esperto e specializzato in calcio e altri sport ma anche spettacoli tv, attualità, cronaca, salute e alpinismo. Musicista semi professionista, batterista e cantante dall'infanzia. Tifoso e appassionato della AS Roma ma anche di serie tv e cinema.

SEGUICI SU: