Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 9 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

Influenza 2019, il virus sarà più aggressivo: via ai vaccini | Sintomi, cause e come guarire

Dal 5 novembre è possibile vaccinarsi contro l'influenza 2019: tutte le info sul nuovo virus stagionale

influenza 2019
Influenza 2019, il virus sarà più aggressivo: via ai vaccini | Sintomi, cause e come guarire - Foto PixaBay
1 di 3
  • Influenza 2019, il virus sarà più aggressivo

    Con l’arrivo del mese di novembre è giunto il momento del vaccino per l’influenza: il virus influenzale 2019, come fanno presenti gli esperti, sarà particolarmente forte e rischia di costringere a letto centinaia di migliaia di italiani (soprattutto nei primi mesi del 2020 in cui ci sarà il picco). Dal 5 novembre però, come riporta Rai News, sarà possibile vaccinarsi presso gli ambulatori e i centri specializzati di tutte le regioni.

    Come funziona il vaccino per l’influenza

    Il vaccino per l’influenza 2019, prosegue Rai News, può essere fatto da chiunque a un costo che oscilla tra 10 e 25 euro, a seconda della città in cui si vive. Il vaccino è invece gratuito per gli over 65, persone che soffrono di patologie con complicanze particolari e i loro familiari, donne in stato di gravidanza, lungodegenti, chi deve sottoporsi a un intervento chirurgico, medici e personale sanitario. Per tutte le informazioni sul vaccino anti influenza 2019 consultare il proprio medico di fiducia o la Asl di appartenenza.

    Quali vaccini vanno fatti?

    I vaccini da fare contro l’influenza 2019, spiega il Corriere.it, sono il trivalente classico e il quadrivalente classico: il primo protegge l’organismo dai due virus A H3N2 e H1N1 e dal virus B Colorado, il secondo da tutti e quattro i virus. Il vaccino trivalente contiene sostanze che stimolano particolarmente le difese immunitarie, quello quadrivalente (da coltura cellulare) è ancor più potente ed è in grado, appunto, di tenere il corpo al sicuro da tutti e 4 i virus influenzali. É possibile (e consigliato) sottoporsi al vaccino 2019 fino a fine dicembre, per prepararsi al meglio al violento picco invernale.

  • I sintomi dell’influenza 2019

    I sintomi dell’influenza 2019, come riporta il sito FarmacoeCura.it, sono i classici: febbre, tosse, raffreddore, mal di gola, mal di testa, dolori muscolari e articolari, sensazione di debolezza, freddo, difficoltà nel dormire, scarso appetito e, nei casi di virus gastrointestinale, anche nausea, vomito, diarrea e dolori addominali.

    Cosa fare per evitare l’influenza

    Per prevenire l’influenza, spiega il sito GreenMe.it, la prima cosa da fare è “vestirsi a cipolla”; ovvero a strati: una maglia intima più una maglietta e un maglioncino o felpa sono più che sufficienti. Se si indossa la giacca si può utilizzare la “combo” maglia intima-camicia-giacca. Assoluta via libera a cappelli, sciarpe, scaldacolli e guanti (anche se per il momento è ancora presto). Ma ricordate, il vestirsi “a strati” permette, appunto, di togliere o indossare un indumento a seconda della temperatura. Ad esempio, se vi trovate in un luogo caldo è inutile tenere il cappotto o la giacca, altrimenti quando tornerete all’esterno rischiate di incorrere in malesseri da sbalzo di temperatura. Inoltre, lavatevi spesso le mani quando siete fuori o ricorrete a prodotti igienici come amuchina.

  • Come sconfiggere l’influenza

    Una volta presa l’influenza c’è poco da fare: è assolutamente necessario riposare al letto in un luogo caldo, lontano da eventuali spifferi di aria fredda, e assumere medicinali antipiretici. Per evitare ricadute si consiglia di uscire e tornare alla vita quotidiana soltanto quando il virus è stato completamente debellato (dopo 3-4 giorni) É bene, inoltre, cambiare ogni tanto l’aria della vostra stanza per respirare sempre aria pura e allontanare quella “viziata” e intrisa di virus.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Reda

Giornalista pubblicista dal 2013, esperto e specializzato in calcio e altri sport ma anche spettacoli tv, attualità, cronaca, salute e alpinismo. Musicista semi professionista, batterista e cantante dall'infanzia. Tifoso e appassionato della AS Roma ma anche di serie tv e cinema.

SEGUICI SU: