Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 17 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

Influenza, è allarme dei medici contro il fai da te

Influenza, è allarme dei medici contro il fai da te. Ecco quando è necessario assumere gli antibiotici. Rimedi e consigli per curare il virus

Influenza, i dieci consigli da seguire - Foto Ansa
1 di 2
  • Influenza, è allarme dei medici contro il fai da te

    Nel corso del periodo di festività l’influenza si fa ancora più minacciosa. Molti italiani si riuniscono nei cenoni e le code ai supermercati sono sempre maggiori, quindi c’è la possibilità di un aumento dello scambio di microbi. Un milione e 400 mila italiani sono stati già contagiati dall’influenza secondo l’ultimo bollettino Influnet. Chi non si è vaccinato è tra i più a rischio fino a fine gennaio. Il picco sembra essere simile a quella dello scorso anno ed adesso dovrebbe verificarsi l’impennata, come riporta il Corriere. I più colpiti sono come sempre i bambini.

    I medici: no ai rimedi fai da te

    I medici ricordano che gli antibiotici sono inefficaci per il virus, quindi il consiglio è quello di usare meno farmaci. Vediamo perchè. Una volta che si è stati contagiati dal virus non c’è che un rimedio. Il consiglio è quello di curare bene l’influenza ma senza eccedere con i farmaci.

    Evitare gli antibiotici

    Gli antibiotici sono da evitare, come spiega Matteo Bassetti al Corriere: «evitare gli antibiotici, inefficaci contro tutti virus compresi i quattro dell’influenza, utili solo contro i batteri». Bassetti è il presidente della Sita, la società italiana di terapie antinfettive: ‘Nonostante le raccomandazioni il fenomeno dell’autoprescrizione non si è sgonfiato. Troppi italiani ricorrono in modo autonomo, senza l’indicazione del medico, agli antibiotici rimasti nel cassetto dopo cicli precedenti’. Questo comportamento è dannoso, infatti l’impiego improprio di questi medicinali favorisce la selezione di batteri resistenti. In Europa siamo terzultimi per i casi di mancata risposta alle terapie contro i microbi. Il ministero della Salute mette in guardia su questa emergenza che riguarda non solo l’uomo, ma anche gli animali e l’ambiente.

  • Meglio pochi farmaci

    Meglio utilizzare pochi farmaci allora, a meno che l’influenza non provochi anche complicanze batteriche. Questo accade al 10% dei pazienti ed in questo caso sono necessari gli antibiotici. Gli antipiretici per abbassare la febbre si dovrebbero utilizzare solo quando la temperatura sale oltre i 38-38,5 gradi. Se vengono usati anche per temperature più basse, si toglie all’organismo un valido strumento di difesa.

    Sintomi e consigli

    I sintomi tipici ei i consigli vengono ricordiati dalla Sita. Partiamo dai sintomi: febbre alta, forti dolori articolari, tosse o mal di gola, debolezza. Questi invece i consigli: restare a letto e non uscire di casa per non diffondere i virus nella comunità. Mangiare poco e leggero. Dare modo all’infezione di sfogarsi e restare in convalescenza i giorni necessari per riprendere le forze.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: