Lunedì 19 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

L’agopuntura può ridurre i sintomi della menopausa

L'agopuntura può alleviare i sintomi della menopausa. Lo dice un nuovo studio dell'Università danese di Copenaghen

L'agopuntura combatte la menopausa?, Foto: Universomamma
1 di 3
  • L’agopuntura combatte la menopausa?

    Uno studio recente conclude che l’agopuntura potrebbe ridurre significativamente alcuni dei più spiacevoli sintomi della menopausa. La menopausa inizia tipicamente nella sesta decade di vita e continua per una media di 4-5 anni. I sintomi della menopausa possono ridurre il benessere generale e influenzare ogni aspetto della vita. Sebbene i sintomi della menopausa siano curabili, i metodi attuali sono tutt’altro che perfetti. La terapia ormonale sostitutiva (HRT) è efficace per molte persone, ma, oltre ai suoi effetti collaterali, la TOS può aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno. Per questo motivo, alcune persone scelgono terapie non ormonali. Tuttavia, questi spesso contengono anche una serie di effetti collaterali spiacevoli, tra cui disturbi del sonno, vertigini, nausea e stanchezza, come riporta Medicalnewstoday.com

    Un approccio alternativo

    Negli ultimi anni sono avanzate le cosiddette terapie alternative o complementari. In cima ad una lunga serie di trattamenti c’è l’agopuntura. L’agopuntura si è sempre più avvicinata alla medicina tradizionale. Le persone hanno usato l’agopuntura per alleviare una vasta gamma di condizioni, tra cui depressione, dolore cronico, epilessia e schizofrenia, con diversi livelli di successo. Lo studio più recente, condotto dai ricercatori dell’Università di Copenaghen, in Danimarca, e dell’Università della Danimarca meridionale, Odense, contrappone il potere dell’agopuntura ai sintomi della menopausa. Sebbene altri studi abbiano considerato l’agopuntura come un possibile rimedio per i sintomi della menopausa, non sono state fornite prove definitive. Come scrivono gli autori del presente studio, studi precedenti sono stati criticati per limiti metodologici, ad esempio dimensioni del campione inadeguate, gruppi di controllo o placebo inadeguati, assenza di protocolli standardizzati e mancanza di dati sugli effetti avversi.

    Agopuntura e vampate di calore

    Per approfondire, i ricercatori hanno deciso di concentrarsi prevalentemente su un risultato: attenuare le vampate di calore. Spesso continuando per un certo numero di anni, le vampate di calore colpiscono più di tre quarti delle persone che subiscono la menopausa e possono essere angoscianti. Il loro studio ha incluso 70 donne in menopausa. Una sessione di 15 minuti di agopuntura standardizzata a settimana è stata prescritta alla metà delle donne per 5 settimane. Gli agopuntori coinvolti nello studio avevano in media 14 anni di esperienza. I restanti individui facevano parte del gruppo di controllo e non hanno ricevuto alcun intervento. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista BMJ Open. Ciascuno dei partecipanti ha completato un questionario che ha valutato la loro esperienza dei sintomi della menopausa. Lo hanno compilato prima dell’inizio dello studio e poi dopo 3, 6, 8, 11 e 26 settimane. Il questionario copriva i sintomi più comuni, tra cui vampate di calore, problemi di sonno, cambiamenti di memoria, sintomi urinari e vaginali e cambiamenti della pelle. Dopo sole 3 settimane, i partecipanti al gruppo di agopuntura hanno notato una diminuzione delle vampate di calore. Al voto di 6 settimane, l’80% delle donne nel gruppo di agopuntura riteneva che le sessioni le avessero aiutate. L’agopuntura non ha solo ridotto le vampate di calore. Il gruppo sperimentale ha anche registrato un calo significativo della gravità o della frequenza della sudorazione (compresi sudorazioni notturne), disturbi del sonno, sintomi emotivi e problemi della pelle e dei capelli.

  • Il problema del placebo

    Sebbene i risultati sono stati statisticamente significativi, gli autori hanno osservato che c’erano pochi partecipanti e la durata dello studio è stata breve. Inoltre, un vecchio nemico – la mancanza di un placebo – perseguita i risultati. Come spiegano gli autori, “Al momento non esiste un comparatore di placebo con agopuntura convalidato.” L’effetto placebo può essere particolarmente forte in situazioni in cui un individuo riceve l’attenzione individuale da un professionista invece di ricevere semplicemente una pillola.

    L’agopuntura fittizia

    Una tecnica che i ricercatori dicono potrebbe essere utile per studi futuri è l’agopuntura fittizia. Agli osservatori e ai partecipanti non addestrati, l’agopuntura fittizia sembra l’agopuntura standard. La differenza fondamentale è che il professionista non posiziona gli aghi nei punti di agopuntura e non trafigge la pelle. Tuttavia, anche l’agopuntura fittizia non è ideale come controllo. Un intervento placebo dovrebbe essere inattivo e, secondo alcuni autori, l’agopuntura fittizia conferisce un effetto più significativo rispetto ad altri placebo veramente inattivi.

  • Bassi i rischi di effetti negativi

    Per le donne che hanno deciso di non usare trattamenti standard, l’agopuntura, indipendentemente dal fatto che i suoi benefici derivino dall’effetto placebo o meno, potrebbe essere un’opzione utile. C’è poco rischio di eventi avversi gravi e, se qualcuno percepisce che i loro sintomi sono migliorati dopo l’agopuntura, questo è sicuramente l’obiettivo di ogni intervento.

    Fonte: Medicalnewstoday.com

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.