Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 12 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Melograni, trovata una sostanza che contrasta la perdita di massa e forza

Melograni, trovata una sostanza che contrasta l'invecchiamento. Studio condotto da Patrick Aebischer del Politecnico di Losanna.

Melograni, trovata una sostanza che contrasta la perdita di massa e forza, foto: Pixabay.com
1 di 4
  • I melograni sono antinvecchiamento?

    I melograni sono davvero il superalimento che contrasterà il processo di invecchiamento? Fino ad ora, la prova scientifica è stata abbastanza debole. Un team di scienziati dell’EPFL, Politecnico di Losanna e della società Amazentis ha voluto esplorare il problema osservando da vicino i segreti di questo frutto paffuto rosa. Hanno scoperto che una molecola nei melograni, trasformata dai microbi nell’intestino, consente alle cellule muscolari di proteggersi da una delle principali cause dell’invecchiamento. Nei nematodi e roditori, l’effetto è a dir poco sorprendente. Gli studi clinici sull’uomo sono attualmente in corso, ma questi risultati iniziali sono già stati pubblicati sulla rivista Nature Medicine, come riportano Ansa.it e sciencedaily.com

    L’invecchiamento

    Invecchiando, le nostre cellule lottano sempre più per riciclare le loro centrali di energia. Chiamati mitocondri, questi compartimenti interni non sono più in grado di svolgere la loro funzione vitale, quindi si accumulano nella cellula. Questo degrado influisce sulla salute di molti tessuti, inclusi i muscoli, che gradualmente si indeboliscono nel corso degli anni. Si ritiene inoltre che un accumulo di mitocondri disfunzionali abbia un ruolo in altre malattie dell’invecchiamento, come il morbo di Parkinson.

    Il ruolo della molecola scoperta

    Gli scienziati hanno identificato una molecola che, da sola, è riuscita a ristabilire la capacità della cellula di riciclare i componenti dei mitocondri difettosi: si chiama urolitina A. “È l’unica molecola conosciuta in grado di rilanciare il processo di purificazione mitocondriale, altrimenti noto come mitophagy “, afferma Patrick Aebischer, coautore dello studio. “È una sostanza completamente naturale e il suo effetto è potente e misurabile.” Il team ha iniziato testando la propria ipotesi sul solito sospetto: il nematode C. elegans. La durata della vita dei vermi esposti all’uritrite A è aumentata di oltre il 45% rispetto al gruppo di controllo. Questi primi risultati incoraggianti hanno portato il team a testare la molecola sugli animali che hanno più cose in comune con l’uomo. Negli studi sui roditori, come con C. elegans, è stata osservata una significativa riduzione del numero di mitocondri, indicando che stava avvenendo un robusto processo di riciclaggio cellulare. I topi più anziani, di circa due anni, mostravano il 42% di resistenza migliore durante la corsa rispetto a quelli di pari età nel gruppo di controllo.

  • Test umani in corso

    Prima di uscire a fare scorta di melograni, tuttavia, vale la pena notare che il frutto non contiene essa stessa la molecola miracolosa, ma piuttosto il suo precursore. Quella molecola viene convertita in urolithina A dai microbi che abitano l’intestino. Per questo motivo, la quantità di urolithina A prodotta può variare ampiamente, a seconda delle specie animali e della flora presente nel microbioma intestinale. Alcuni individui non ne producono affatto.  Per quelli senza i microbi giusti nelle loro viscere, tuttavia, gli scienziati stanno già lavorando a una soluzione. Amazentis, start up fondata dagli autori dello studio ha sviluppato un metodo per somministrare dosi calibrate di urolitina A. L’azienda sta attualmente conducendo i primi test clinici per testare la molecola negli esseri umani negli ospedali europei.

    Scienziati fiduciosi

    Secondo il coautore dello studio Johan Auwerx, sarebbe sorprendente se l’urolithina A non fosse efficace nell’uomo. “Le specie evolutivamente piuttosto distanti, come i C elegans e il topo, reagiscono alla stessa sostanza allo stesso modo: è una buona indicazione che stiamo toccando qui un meccanismo essenziale negli organismi viventi“.

  • La funzione di Urolithin A

    La funzione di Urolithin A è il prodotto di decine di milioni di anni di evoluzione parallela tra piante, batteri e animali. Secondo Chris Rinsch, co-autore e CEO di Amazentis, questo processo evolutivo spiega l’efficacia della molecola: “I precursori dell’urina A non si trovano solo nei melograni, ma anche in quantità minori in molti frutti a guscio e bacche. nel nostro intestino, i batteri devono essere in grado di abbattere quello che stiamo mangiando

    Sostanza prodotta attraverso la digestione

    Attraverso la digestione, viene prodotta una sostanza che ci è di beneficio, la selezione naturale favorisce sia i batteri coinvolti che il loro ospite. rigorose convalide cliniche, in modo che tutti possano beneficiare del risultato di questi milioni di anni di evoluzione, hanno spiegato gli scienziati.

  • Nuove opportunità per combattere l’invecchiamento

    L’approccio degli scienziati dell’EPFL offre una nuova gamma di opportunità per combattere la degenerazione muscolare che si verifica con l’età, e forse anche per contrastare altri effetti dell’invecchiamento. Aiutando l’organismo a rinnovarsi, l’urolitina A potrebbe riuscire bene laddove tanti prodotti farmaceutici, la maggior parte dei quali hanno cercato di aumentare la massa muscolare, hanno fallito. Auwerx, che ha anche pubblicato una recente scoperta sugli effetti anti-invecchiamento di un’altra molecola nella rivista Science.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: