Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 22 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

Menopausa, estrogeni e vitamina D possono prevenire la sindrome metabolica

Menopausa, estrogeni e vitamina D possono prevenire la sindrome metabolica. Nuovo studio condotto dal Dr. JoAnn Pinkerton

Menopausa, estrogeni e vitamina D possono prevenire la sindrome metabolica, foto: Pixabay.com
1 di 4
  • Nuovo studio sulla Menopausa

    A seguito delle prove che gli estrogeni e la vitamina D lavorano insieme per promuovere la salute delle ossa, una nuova ricerca dalla Cina suggerisce ora che potrebbero anche aiutare a prevenire la sindrome metabolica nelle donne in postmenopausa. Alti livelli di vitamina D, in combinazione con gli estrogeni, potrebbero aiutare a proteggere la salute metabolica delle donne in postmenopausa, come riportano il portale Medicalnewstoday.com e scienze.fanpage.it. Si tratta di una ricerca condotta da scienziati cinesi dell’Università Sun Yat-Sen di Guangzhou, con la collaborazione del Dipartimento di scienze della salute ambientale dell’Università di Albany (Stati Uniti) e della Capital Medical University di Pechino.La sindrome metabolica è un insieme di fattori di rischio – come obesità, ipertensione e glicemia alta – che aumentano la probabilità che una persona sviluppi diabete di tipo 2, malattie cardiache, ictus e altre condizioni.

    Lo studio

    Il recente studio, presentato sulla rivista Menopause, ha studiato i livelli di estrogeni e di vitamina D e il loro legame con la sindrome metabolica in un gruppo di donne in postmenopausa nel sud della Cina. Gli autori concludono che i risultati “suggeriscono un ruolo sinergico” per la vitamina D e la carenza di estrogeni nella sindrome metabolica nelle donne cinesi in postmenopausa. Complessivamente, 616 donne in postmenopausa hanno preso parte allo studio. La loro età variava da 49 a 86 anni e nessuno aveva assunto estrogeni o supplementi di vitamina D all’inizio della raccolta dei dati. I ricercatori hanno misurato i livelli ematici di estradiolo femminile – il più forte degli ormoni estrogeni – e la vitamina D, nonché i fattori di rischio per la sindrome metabolica. In questo studio trasversale, il basso livello di estradiolo ha aumentato il rischio di sindrome metabolica nelle donne in post-menopausa che avevano carenza di vitamina D, spiega il Dr. JoAnn Pinkerton, direttore esecutivo della The North American Menopause Society

    Risultati dello studio

    Il team di ricercatori ha trovato una “correlazione positiva” tra vitamina D ed estradiolo. In altre parole, le donne con bassi livelli di vitamina D tendevano anche ad avere livelli più bassi di estradiolo, e le donne con livelli più elevati di vitamina D tendevano anche ad avere livelli più alti di estradiolo. I ricercatori hanno anche analizzato quali fattori di sindrome metabolica sono più strettamente correlati con la vitamina D e l’estradiolo. Hanno scoperto che:

    • Livelli più elevati di vitamina D tendevano ad accompagnare misure più favorevoli di pressione sanguigna, glicemia e lipidi.
    • Livelli inferiori di estradiolo tendevano ad accompagnare misure meno favorevoli di pressione sanguigna, colesterolo e trigliceridi.
    • Inoltre, l’analisi ha mostrato che le donne con livelli insufficienti di vitamina D ed estradiolo avevano più probabilità di avere la sindrome metabolica rispetto alle donne con livelli sufficienti.

    In un’altra analisi, che ha coinvolto la classificazione delle donne in base ai loro livelli di vitamina D, i ricercatori hanno scoperto che il basso livello di estradiolo aumenta il rischio di sindrome metabolica in donne con insufficiente vitamina D.

  • Valutazione della sindrome metabolica

    La sindrome metabolica comprende cinque fattori di rischio: obesità centrale, alti livelli di trigliceridi, bassi livelli di colesterolo HDL (high-density lipoprotein), ipertensione e glicemia elevata. Per valutare lo stato della sindrome metabolica per il recente studio, il team ha utilizzato i criteri della definizione International Diabetes Federation (IDF) 2006. La definizione dell’IDF del 2006 afferma che la sindrome metabolica consiste nell’obesità centrale più due degli altri quattro fattori.

    Il ruolo dell’obesità

    L’obesità centrale significa che c’è troppo grasso nell’area dello stomaco, che può aumentare il rischio di malattie cardiache in misura maggiore rispetto ad avere troppo grasso in altre parti del corpo, come i fianchi. Per l’obesità centrale nelle donne cinesi, lo standard IDF 2006 definisce questo un punto vita uguale o superiore a 80 centimetri cm. Per le donne bianche negli Stati Uniti, questa misura sarebbe maggiore o uguale a 88 cm.

  • Per gli altri quattro fattori di rischio, i criteri IDF 2006 utilizzati dai ricercatori sono stati:

    • livello di trigliceridi nel sangue di 150 milligrammi per decilitro (mg / dl) o superiore o trattamento per trigliceridi alti
    • Colesterolo HDL inferiore a 50 mg / dl o in trattamento con colesterolo alto HDL
    • pressione arteriosa pari o superiore a 130/85 millimetri di mercurio o in trattamento con ipertensione arteriosa
    • glicemia a digiuno uguale o superiore a 100 mg / dl o in trattamento per il diabete
    • Il colesterolo HDL aiuta il sangue a trasportare il colesterolo lontano dalle arterie. Troppo poco può aumentare il rischio di malattie cardiache.

    La glicemia a digiuno di 100 mg / dl può essere un sintomo precoce del diabete, che a sua volta può aumentare il rischio di malattie cardiache e di altri problemi di salute cardiovascolare.

    Importante problema di salute pubblica

    La sindrome metabolica è un importante problema di salute pubblica. Secondo uno studio JAMA del 2015 sulla popolazione degli Stati Uniti, quasi il 35% degli adulti e la metà di quelli di 60 e più anni avevano una sindrome metabolica nel periodo 2011-2012.

  • Vitamina D ed estrogeni bassi possono causare la sindrome metabolica

    Il Dr. JoAnn Pinkerton, direttore esecutivo della The North American Menopause Society, afferma che lo studio dimostra che valori bassi di estrogeni e vitamina D sembrano aumentare il rischio di sindrome metabolica in donne in postmenopausa. “La Società Endocrina raccomanda livelli di vitamina D di 30 nanogrammi per millilitro per le donne in postmenopausa”.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.