Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 8 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Menopausa, se stai avendo questi pericolosi disturbi puoi riconoscerla subito

Generalmente la menopausa è una fase della vita che interessa le donne dai 45 ai 55 anni. La Dottoressa Rossella Nappi ha spiegato ai microfoni di "Corriere.it" quali sono i segnali per riconoscerla

Menopausa, se stai avendo questi disturbi puoi riconoscerla subito. Fonte foto: pixabay.com
1 di 4
  • Menopausa, generalmente interessa le donne tra i 45 e i 55 anni

    Quando si parla di menopausa – secondo quanto riportato da “Pazienti.it” – si fa riferimento ad una fase della vita che generalmente va dai 45 ai 55 anni, vale a dire al periodo durante il quale viene meno la capacità riproduttiva, con le ovaie che non producono più gli ormoni della riproduzione, primi tra tutti gli estrogeni. Quando si verifica tale scenario, le donne iniziano a fare i conti con delle alterazioni del metabolismo e, di conseguenza, per loro risulta molto importante riconoscere subito i primi segnali della menopausa.

    Menopausa, i segnali che ti consentono di riconoscerla

    Dunque, esistono dei segnali che permettono alle donne di riconoscere in tempo l’arrivo della menopausa e, in tal senso, la Dottoressa Rossella Nappi, ginecologa dell’Ambulatorio di endocrinologia ginecologia e della menopausa del Policlinico San Matteo di Pavia, ha spiegato ai microfoni di “Corriere.it” quali sono questi campanelli d’allarme. In primis c’è sicuramente il ciclo irregolare, con gli intervalli tra i periodi mestruali che possono essere più o meno lunghi. Un altro segnale tipico dell’arrivo della menopausa, poi, è rappresentato dai famosi sbalzi d’umore, uniti a problemi di insonnia. I livelli di estrogeni ridotti, poi, determinano la perdita progressiva del tessuto osseo ed hanno come conseguenza quella di incrementare il rischio di osteoporosi.

    Menopausa, altri campanelli d’allarme: dai lividi inaspettati alle palpitazioni

    La Dottoressa Nappi – intervenuta ai microfoni di “Corriere.it” – poi, ha evidenziato come un altro segnale da non sottovalutare sia rappresentato dalla presenza di lividi inaspettati: tutto ciò si spiega con il fatto che i cambiamenti ormonali finiscono per rendere la pelle più sottile e, di conseguenza, maggiormente soggetta a traumi ed ematomi. Gli ormoni, inoltre, influenzano anche i tessuti oculari e, dunque, incidono sulla composizione delle lacrime: questo spiega perché durante la fase della menopausa gli occhi possano essere secchi e vi sia la possibilità che la donna manifesti dei cambiamenti nella visione. La “North American Menopause Society”, inoltre, ha evidenziato come circa il 15% delle donne che si trovano in perimenopausa – ossia la fase che precede la menopausa – presenti la crescita di peli sotto il mento, sul labbro superiore e sulle gambe. Altro segnale da non sottovalutare, inoltre, è rappresentato dalle cosiddette palpitazioni: in altre parole le donne che stanno attraversando la fase che le porterà in menopausa possono soffrire di un’improvvisa accelerazione o irregolarità del battito cardiaco.

  • Menopausa, altri disturbi che la segnalano: dall’urgenza urinaria alle vampate

    Esistono anche altri disturbi che possono indicarci l’arrivo imminente della menopausa e tra questi – secondo quanto riferito dalla Dottoressa Nappi a “Corriere.it” – vi è certamente l’urgenza di fare pipì o la perdita di urina quando ad esempio si starnutisce e si tossisce. La presenza di meno estrogeni, inoltre, può determinare altre due conseguenze: da un lato il fatto che la donna abbia la pelle secca e dall’altro cambiamenti sfavorevoli nei livelli di colesterolo presente nel sangue, con conseguente incremento del rischio di malattie cardiovascolari. Quando si parla dei disturbi più comuni tra le donne che si stanno avvicinando alla menopausa, non si può fare a meno di citare le famose vampate di calore, uno dei segnali per eccellenza che può evidenziarsi con durata e intensità differenti da donna a donna.

  • Menopausa, i segnali da non ignorare: dalla sudorazione eccessiva alla secchezza vaginale

    Andiamo ora ed elencare gli ultimi segnali che indicano alle donne l’arrivo imminente della menopausa. In tal senso – come spiegato dalla Dottoressa Nappi a “Corriere.it” – tra i disturbi che rappresentano un campanello d’allarme c’è sicuramente la sudorazione eccessiva (anche notturna). A questa si aggiungono le emicranie che possono comparire per la prima volta nelle donne che stanno per entrare nella fase della menopausa o possono ulteriormente peggiorare se già presenti. Quando, però, la menopausa arriva a tutti gli effetti, la donna vede alleviare o scomparire del tutto l’emicrania. Nel corso della cosiddetta perimenopausa, inoltre, l’eccitazione ed il desiderio sessuale possono subire delle modifiche e i bassi livelli di estrogeno possono determinare secchezza vaginale.

  • Quando si può parlare di menopausa precoce?

    In apertura di articolo abbiamo sottolineato come la menopausa sia una fase della vita di una donna che generalmente si presenta tra i 45 e i 55 anni. Spesso, però, le donne si chiedono quando si può parlare della cosiddetta “menopausa precoce”. In tal senso – stando a quando riportato da “Corriere.it” – si può parlare di menopausa precoce quando questa compare prima dei 40 anni. In alcuni casi si presenta in modo assolutamente spontaneo e, dunque, si definisce “menopausa precoce spontanea”. In altri casi, invece, viene definita “menopausa iatrogena”, in quanto è determinata da interventi chirurgici di asportazione bilaterale delle ovaie, chemioterapia o radioterapia pelvica.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: