Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Mucca pazza, torna l’incubo dopo la scoperta di due casi: i sintomi

Mucca pazza, torna la paura: due casi confermati, il Brasile sospende la vendita di carni verso la Cina. Cos'è questa malattia, quali sono i sintomi, come si trasmette

Mucca pazza, torna l’incubo dopo la scoperta di due casi: i sintomi
Mucca pazza, torna l'incubo dopo la scoperta di due casi: i sintomi
1 di 2
  • Mucca pazza, due casi confermati in Brasile

    Torna l’incubo della mucca pazza, una terribile sindrome mortale che terrorizzò il mondo, in particolare Francia e Italia, nei primi anni 2000. È notizia di questi giorni la scoperta di due casi di sindrome da mucca pazza in Brasile, che è il maggiore esportatore di carne nel mondo. Sospese immediatamente le vendita verso la Cina. Come riportato da ilfattoalimentare.it lo stop è si è reso necessario a causa di due casi confermati di mucca pazza atipica. Tra l’altro questo stop forzato avrà delle ripercussioni negative per gli allevatori brasiliani, proprio perché la Cina è il Paese che acquista più della metà di carne bovina esportata dal Brasile.

    I casi confermati dopo l’analisi dei campioni

    Il Ministro dell’agricoltura brasiliano ha precisato che i due casi confermati sono stati individuati negli stabilimenti situati negli stati del Maio Grosso e del Minas Gerais. Si tratta del quarto e quinto caso negli ultimi 23 anni. Sempre secondo il Ministro la malattia della mucca pazza si sviluppa spontaneamente, non è correlata al consumo di cibi contaminati. Oltretutto il Brasile non ha mai avuto un caso classico di mucca pazza. L’agenzia Reuters scrive che i due casi sono stati confermati dopo aver inviato i campioni, facendoli analizzare dall’organizzazione mondiale per la salute animale. Leggi anche Strana malattia simile alla mucca pazza preoccupa il Canada: decine di casi segnalati, 5 morti. Ecco cosa sta succedendo

    Ma che cos’è la sindrome della mucca pazza?

    La malattia della mucca pazza, conosciuta anche come encefalopatia spongiforme bovina, è una malattia neurodegenerativa dei bovini. I primi casi risalgono al 1986 nel Regno Unito. In Italia il primo caso di bovino malato risale al 2001. Nello stesso anno il nostro Ministero della salute vietò la vendita di alcune parti di bovino, come il cervello e le frattaglie. Tale divieto venne revocato nel momento in cui la malattia non fu più una minaccia. Leggi anche Il colesterolo prodotto nel cervello svolge un ruolo chiave nello sviluppo della malattia di Alzheimer? I dettagli

    CONTINUA A LEGGERE

  • Quali sono i sintomi

    Questa sindrome porta ad una progressiva degenerazione del sistema nervoso, l’encefalo di fatto assume le sembianze di una spugna con la conseguente perdita delle normali funzioni. Purtroppo la mucca pazza ha esito sempre fatale ed è trasmissibile da animali della stessa specie e tra animali di specie diversa compreso anche l’essere umano. La trasmissione a quest’ultimo può avvenire soltanto nel caso in cui egli ingerisca carne di un bovino malato di mucca pazza. I sintomi più comuni della malattia sono la progressiva perdita della condizione motoria, demenza, disturbi sensoriali, ansia, aggressività, spasmi muscolari, tremori, difficoltà evidenti ad alzarsi e una postura anomala.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da anni notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia