Sabato 20 Luglio
Scarica la nostra app
Segnala

Pressione alta, il pisolino pomeridiano sarebbe molto utile: ecco perché

Pressione alta, il pisolino pomeridiano sarebbe molto utile: ecco perché. Studio condotto da Manolis Kallistratos, cardiologo presso l'ospedale l'Asklepieion General a Voula

Pressione alta, il pisolino pomeridiano sarebbe molto utile: ecco perché, foto: Pixabay.com
  • Pressione alta, il pisolino pomeridiano sarebbe molto utile

    Sembra che fare un pisolino possa fare qualcosa di più di un recupero energetico e di un miglioramento del nostro umore. Un nuovo studio scientifico presentato alla 68a sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology ha rilevato che le persone che hanno approfittato di un sonnellino pomeridiano avevano maggiori probabilità di avere un calo notevole della pressione arteriosa rispetto a chi non ha fatto il pisolino. Lo riportano Sciencedaily.com e Tg24.sky.it

    La ricerca

    Il pisolino insomma sembra abbassare i livelli di pressione sanguigna alla stessa intensità di altri cambiamenti dello stile di vita. La riduzione di sale e alcol può abbassare i livelli di pressione sanguigna da 3 a 5 mm Hg“, ha detto Manolis Kallistratos, MD, cardiologo presso l’ospedale Asklepieion General a Voula, in Grecia, e uno dei coautori dello studio, aggiungendo che un farmaco antiipertensivo a basso dosaggio di solito abbassa i livelli di pressione sanguigna di 5-7 mm Hg, in media. Complessivamente, fare un pisolino durante il giorno è stato associato a una caduta media della pressione arteriosa di 5 mm di Hg, che secondo i ricercatori è pari a quella che ci si aspetterebbe da altri noti interventi di abbassamento della pressione sanguigna. Inoltre, per ogni 60 minuti di sonno pomeridiano, la pressione arteriosa sistolica media di 24 ore è diminuita di 3 mm Hg.

    Risultati importanti

    Questi risultati sono importanti perché un calo della pressione sanguigna di 2 mm Hg può ridurre il rischio di eventi cardiovascolari come l’infarto fino al 10%“, ha detto Kallistratos. Questo è il primo studio a valutare in modo prospettico l’influenza del sonno pomeridiano sui livelli di pressione sanguigna tra le persone la cui pressione arteriosa è ragionevolmente controllata, secondo i ricercatori. Lo stesso gruppo di ricerca ha precedentemente trovato sonnellini pomeridiani da associare a livelli ridotti di pressione sanguigna e un numero inferiore di farmaci antipertensivi prescritti da persone con valori molto elevati di pressione sanguigna. Complessivamente, la pressione arteriosa sistolica media di 24 ore è stata inferiore di 5,3 mm Hg tra coloro che si sono sottoposti al paragone rispetto a quelli che non lo hanno fatto (127,6 mm Hg vs 132,9 mm Hg). Quando si osservano entrambi i valori della pressione sanguigna, le persone che hanno dormito durante il giorno hanno avuto letture più favorevoli (128,7 / 76,2 vs 134,5 / 79,5 mm Hg).

  • Sono state studiate 212 persone

    Lo studio ha incluso 212 persone con una pressione arteriosa media di 129,9 mm Hg. Avevano in media 62 anni e poco più della metà erano donne. Circa 1 su 4 partecipanti erano fumatori e / o avevano il diabete di tipo 2. I gruppi erano simili in termini di fattori di rischio per le malattie cardiache. I ricercatori hanno valutato e registrato la pressione arteriosa per 24 ore consecutive, il tempo di sonno pomeridiano (la durata media era di 49 minuti), le abitudini di vita (ad esempio alcol, consumo di caffè e sale, livelli di attività fisica) e la velocità di battito del polso, una misura di rigidità nelle arterie.

    Effettuato anche un ecocardiogramma

    Al reclutamento dello studio, i partecipanti hanno anche subito un ecocardiogramma, un ecografia del cuore che mostra la sua struttura e funzione. Nelle loro analisi, i ricercatori si sono adeguati a fattori noti per influenzare i livelli di pressione sanguigna, inclusi età, sesso, stile di vita e farmaci. Non c’erano differenze in termini di numero di farmaci antipertensivi presi tra i due gruppi e gli ecocardiogrammi erano simili.

  • Monitor ambulatoriale indossato dai partecipanti

    I partecipanti indossavano un monitor ambulatoriale della pressione arteriosa per misurare e monitorare la pressione sanguigna ad intervalli regolari durante la vita quotidiana di routine, piuttosto che una sola volta nella clinica.Per ogni ora di sonnellino, la pressione arteriosa sistolica media di 24 ore è diminuita di 3 mm Hg.

  • Le conclusioni

    I risultati sono ulteriormente rafforzati perché i pazienti hanno tassi di pressione sanguigna simili durante la notte (gocce naturali durante il sonno notturno), il che significa che eventuali riduzioni della pressione arteriosa sono separate da questo fenomeno e danno maggiore fiducia che le riduzioni della pressione arteriosa potrebbero essere ridotte a causa del sonnellino diurno. Sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare questi risultati.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: