Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Una dieta semplice potrebbe proteggere dall’Alzheimer secondo un nuovo studio

La dieta MIND può proteggere dall'Alzheimer? Ecco tutti i dettagli

Una dieta semplice potrebbe proteggere dall’Alzheimer secondo un nuovo studio
Una dieta di aminoacidi essenziali potrebbe tenere a bada la demenza, ecco perché, foto: pixabay.com
1 di 2
  • Una dieta semplice potrebbe proteggere dall’Alzheimer secondo un nuovo studio

    Studi recenti hanno dimostrato che cambiamenti fisici al cervello potrebbero non essere gli unici fattori alla base della malattia dell’Alzheimer e che qualcosa di semplice come la dieta potrebbe cambiare la nostra resilienza cognitiva alla demenza in futuro. La dieta specifica – denominata dieta MIND – si basa sulla dieta mediterranea e sulla dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) (infatti MIND è l’abbreviazione di ‘Mediterranean-DASH diet Intervention for Neurodegenerative Delay’). È stata sviluppato da un team di epidemiologi nutrizionali della Rush University; in precedenza, uno studio del 2015 ha dimostrato i suoi potenziali benefici, come riporta sciencealert.com. Ulteriori approfondimenti sul Journal of Alzheimer’s Disease

    La dieta mind

    Da allora, molti ricercatori e il pubblico in generale si sono concentrati su questo approccio dietetico come potenziale strategia di prevenzione dell’Alzheimer. Studio dopo studio hanno dimostrato che seguire la dieta MIND mangiando più verdure a foglia, altre verdure, bacche, noci, olio d’oliva, cereali integrali e pesce fornisce almeno una certa protezione dal declino cognitivo. Ora, uno studio a lungo termine dello stesso team della Rush University in Illinois ha scoperto che i partecipanti che hanno seguito la dieta MIND, anche moderatamente, hanno avuto un migliore funzionamento cognitivo più avanti nella vita, indipendentemente da eventuali placche amiloidi o grovigli neurofibrillari che potrebbero aver avuto.

    La nuova ricerca

    Alcune persone hanno abbastanza placche e grovigli nel cervello per avere una diagnosi post mortem del MA, ma non sviluppano demenza clinica nel corso della loro vita“, afferma il ricercatore Klodian Dhana del Rush Medical College. I ricercatori hanno analizzato i dati su 569 partecipanti morti durante uno studio a lungo termine iniziato nel 1997, chiamato Memory and Aging Project. Ciascuno dei partecipanti ha accettato di sottoporsi a valutazioni cliniche annuali mentre erano in vita, oltre a un’autopsia dopo la morte. Nel 2004, i ricercatori hanno iniziato a somministrare ai partecipanti un questionario sui tipi di alimenti che stavano mangiando; per questo nuovo studio, il team ha utilizzato questi dati dietetici per dare retroattivamente ai pazienti un punteggio di quanto fossero stati vicini alla dieta MIND.

    CONTINUA A LEGGERE

  • I risultati

    I risultati sono stati promettenti, scoprendo che un punteggio più alto della dieta MIND era associato a un migliore funzionamento cognitivo prima della morte. Questo è stato il caso anche quando si è aggiustato per quelli che non avevano deficit cognitivo quando è iniziata la ricerca, o quelli con diagnosi di Alzheimer in un’autopsia a causa della presenza di placche amiloidi e grovigli neurofibrillari. Ovviamente, questo studio presenta alcune limitazioni. La dieta è stata auto-riportata dai partecipanti, che può essere imprecisa in una popolazione generale, per non parlare di una con declino cognitivo. La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Alzheimer’s Disease

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da anni notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia