Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 17 Dicembre
Scarica la nostra app

Eliška Junková, ecco chi era e perché Google la celebra oggi con il Doodle

Eliška Junková, ecco chi era e perché oggi Google la celebra con un Doodle | Tutti i dettagli su questo personaggio

Eliška Junková, ecco chi era e perché Google la celebra oggi con il Doodle
Eliška Junková, ecco chi era e perché oggi Google la celebra con un Doodle (Foto Youtube)
1 di 3
  • Eliška Junková, ecco chi era e perché oggi Google la celebra con un Doodle

    Eliška Junková è celebrata oggi da Google con un doodle: è stata una celebre pilota cecoclovacca, nata a Olomouc il 16 novembre 1900 e morta a Praga il 5 gennaio 1994. Eliška Junková era la donna più veloce del mondo un secolo fa ed è stata la prima donna ad avere successo in uno sport puramente maschile. Sono passati 120 anni dalla nascita del volante della regina ceca, come veniva chiamata Eliška Junková, lunedì 16 novembre. Ha ottenuto il suo più grande successo nelle corse nella seconda metà degli anni ’20, quando è riuscita a eguagliare anche gli assi delle corse più famosi dell’epoca. Il più grande successo fu il quinto posto assoluto alla Targia Florio siciliana del 1928, allora considerata la gara più difficile del mondo. Un anno prima era arrivata addirittura al secondo posto. Non c’è da stupirsi che allora fosse chiamata la regina del volante. Eliška Junková è nata come Alžběta Pospíšilová il 16 novembre 1900 a Olomouc. È cresciuta nella grande famiglia di un maestro fabbro e si è interessata di viaggi e lingue straniere sin dall’infanzia, come riporta teraz.sk.

    L’incontro con il marito

    Ben presto ha imparato il tedesco, il francese, l’inglese e l’italiano. Già all’età di 16 anni la Junková ha lavorato nella filiale della “Prague Credit Bank” a Olomouc, dove ha incontrato il suo futuro marito, che era il suo capo, sebbene avesse solo sei anni in più. Junek ha aperto una nuova filiale della banca a Brno ed ha portato con sé Alžběta. Oltre al suo lavoro a Brno, ha studiato musica con il compositore Leoš Janáček, che ha elogiato il suo talento musicale. Alla fine della prima guerra mondiale, Elisabetta trascorse un po ‘di tempo a Parigi per migliorare il suo francese. È stata una delle prime donne a Praga a completare con successo la scuola guida.

    Le gare

    Quando sposò il suo fidanzato il 24 luglio 1922, cambiò non solo il suo cognome, ma anche il suo nome, poiché si chiamava Elisabeth o Elisa all’estero. Alžběta Pospíšilová divenne Eliška Junková. Comprò una Bugatti T30 da sogno e la convertì in un modello da corsa. Già nell’aprile del 1923, Eliška Junková fece il suo debutto in gara come copilota del marito. Nel settembre 1924, aveva già vinto la sua prima grande gara sulla linea Lochotín- Třemošná. Dopo un altro anno di successi nel 1925, Eliška Junková rilevò la Bugatti T35 da suo marito e il 9 maggio 1926 non solo vinse sulla pista Zbraslav – Jíloviště, ma ottenne anche il miglior tempo. È diventata la prima donna a vincere una gara internazionale. Si è classificata seconda nella gara in collina Klausenpass in Svizzera e ha vinto il Gran Premio di Germania al Nürburgring.

  • Gare anche in Sicilia

    Eliška Junková piaceva allo stesso Ettore Bugatti e la convinse a prendere parte alle gare più impegnative della Sicilia dell’epoca. Junková ha completato il tracciato composto da cinque circuiti – un circuito aveva 108 km, 1500 curve e un dislivello di 1000 metri – due volte. Nel 1928, la sua vittoria sfuggì e finì quinta a causa di un difetto, ma guadagnò comunque l’ammirazione e la popolarità internazionale come prima donna a completare la gara. All’apice della sua fama, fu colpita da una tragedia: al Nürburgring suo marito ha sbandato e ha perso la vita in un incidente perché non aveva il casco. Junková ha deciso che non avrebbe mai più guidato come corridore. Ha viaggiato in Sri Lanka (poi Ceylon) per promuovere il marchio Bugatti. Come membro dell’Automobile Club Cecoslovacco per la Moravia e la Slesia, ha partecipato alla costruzione del Circuito Masaryk a Brno. Ha lavorato per Baťa e negli anni ’30 ha inventato il marchio di pneumatici Barum come abbreviazione dei nomi Baťa, Ruben, Matador.

  • Il nuovo matrimonio

    È rimasta fedele a questo settore fino al suo pensionamento, ha lavorato anche presso il Ministero dell’Industria Chimica. Dopo la seconda guerra mondiale, sposò il giornalista automobilistico Ladislav Khás e scrisse articoli sull’automobilismo. Nel 1972, ha pubblicato un libro di memorie My Memory is a Bugatti. Nel 1991 Eliška Junková volò negli Stati Uniti per incontrare i fan di Bugatti. Nel novembre 1993 ha fondato l’Eliška Junková Endowment Fund con l’obiettivo di divulgare la storia dell’automobilismo. Eliška Junková-Khásová è morta il 5 gennaio 1994. Il suo nome è legato alla gara automobilistica a Nový Bydžov (Memoriale di Eliška Junková). Nel 2019, Eliška Junková ha vinto la Medaglia al Merito del Presidente della Repubblica in memoria.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Biagio Romano

Classe '93, napoletano di nascita, interista di fede. Scrivo sul web da quando avevo 16 anni: prima per hobby, poi per lavoro. Curioso di natura, amo le sfide (soprattutto vincerle). Mi affascina il mondo dell'informazione e quello della comunicazione. Tra gli argomenti che seguo con maggiore interesse: tutto ciò che riguardala tv. Reality show, talent show senza tralasciare gossip e altri programmi vari. Seguo molto anche tutto ciò che riguarda la tecnologia e mi occupo di natura e scienza

SEGUICI SU: