Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 5 Aprile
Scarica la nostra app

Forte scossa di terremoto M 4.8 in Argentina: zone colpite e dati ufficiali del sisma

Nella giornata di oggi, giovedì 27 febbraio 2020, l'European-Mediterranean Seismological Centre ha registrato una forte scossa di terremoto in Argentina

Forte scossa di terremoto M 4.8 in Argentina: zone colpite e dati ufficiali del sisma
1 di 4
  • Terremoto, forte scossa in Argentina

    Nel corso della giornata di oggi, giovedì 27 febbraio 2020, esattamente alle 21:25 (ora locale), l’European-Mediterranean Seismological Centre ha registrato una forte scossa di terremoto di magnitudo 4.8 a Jujuy, in Argentina, con ipocentro a 10 chilometri di profondità. Secondo quanto si legge su “Emsc.eu”, il sisma è stato nettamente avvertito dalla popolazione locale.

    Terremoto, forte scossa in Argentina: le città più vicine al sisma

    Nella giornata di oggi, dunque, alle 17:21 (ora locale), si è verificata una forte scossa di terremoto di magnitudo 4.8, con ipocentro a 10 chilometri di profondità. L’evento sismico – secondo quanto riportato dall’European-Mediterranean Seismological Centre – è stato localizzato a 6 chilometri a nord-ovest di Caimancito (Argentina, 5.500 abitanti), a 86 chilometri a nord-est di San Salvador de Jujuy (Argentina, 306.000 abitanti) e a 522 chilometri a sud di Sucre (Bolivia, 225.000 abitanti).

    Terremoto, scossa in provincia di Trento

    Passiamo ad analizzare la situazione sismica italiana in relazione alla giornata di oggi, giovedì 27 febbraio 2020. In tal senso, alle ore 12:10, si è verificato un lieve sisma di magnitudo 2.1 a Albiano, in provincia di Trento, con ipocentro a 10 chilometri di profondità. La scossa di terremoto in questo caso è stata localizzata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia a 11 a nord-est di Trento, a 40 chilometri a sud-ovest di Bolzano, a 73 chilometri a nord-ovest di Vicenza e a 81 chilometri a nord di Verona.

  • Terremoto, scossa in provincia di Pesaro-Urbino

    Passiamo ad analizzare la situazione sismica in Italia per quanto riguarda la giornata di oggi, giovedì 27 febbraio 2020. In tal senso, alle ore 07:48, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 2.6 a Serrungarina, in provincia di Pesaro-Urbino, con ipocentro a 34 chilometri di profondità. L’evento sismico è stato localizzato a 17 chilometri da Fano, a 21 chilometri a sud di Pesaro, a 45 chilometri a sud-est di Rimini e a 53 chilometri ad ovest di Ancona.

  • Terremoto, scossa nel Tirreno Meridionale

    Nella giornata di oggi, giovedì 27 febbraio 2020, alle ore 06:27, si è verificata una scossa di terremoto di magnitudo 3.7 nel distretto Tirreno Meridionale (MARE), con ipocentro a 229 chilometri di profondità. L’evento sismico è stato localizzato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia a 53 chilometri a nord di Messina, a 64 chilometri a nord-ovest di Reggio Calabria e a 89 chilometri ad ovest di Lamezia Terme.

  • Terremoto, scossa nel Golfo di Salerno

    Nella giornata di oggi, giovedì 27 febbraio 2020, alle ore 05:52, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 3.0 nel Golfo di Salerno, con ipocentro a 34 chilometri di profondità. L’evento sismico – nettamente avvertito dalla popolazione locale vicina all’epicentro – è stato localizzato a 32 chilometri a sud-ovest di Battipaglia, a 35 chilometri a sud di Salerno, a 38 chilometri a sud di Cava de’ Tirreno e a 45 chilometri da Castellammare di Stabia.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: