Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 16 Settembre
Scarica la nostra app

Il pericoloso vulcano è tornato ad eruttare poco fa: paura tra la popolazione – VIDEO dell’esplosione del Krakatoa in Indonesia

Nelle scorse ore si è registrata una forte eruzione del vulcano Krakatoa, in Indonesia. Ecco il video dell'esplosione

Il pericoloso vulcano è tornato ad eruttare poco fa: paura tra la popolazione - VIDEO dell'esplosione del Krakatoa in Indonesia. Immagine di repertorio, fonte foto: pixabay.com
1 di 4
  • Indonesia, Paese con diversi vulcani attivi

    In Indonesia vi sono molti vulcani attivi (circa 150) e tra questi non si può fare a meno di citarne due: il Krakatoa ed il Tambora, vale a dire due dei vulcani più famosi per le violente esplosioni che si sono verificate nel corso del XIX secolo. A spiegare la forte concentrazione di vulcani presenti in Indonesia vi è sicuramente la sua posizione geografica: si tratta, infatti, di un Paese situato nel cosiddetto “Anello di Fuoco”.

    Quando avviene l’esplosione del vulcano?

    L’esplosione di un vulcano si realizza nel momento in cui – come si legge su “Focus.it – il magma è viscoso e non riesce a raggiungere la superficie, restando all’interno della camera magmatica: lì, dunque, si va a generare un accumulo di gas. Nel momento in cui la pressione dei gas diventa insostenibile, si verifica l’esplosione che si realizza in modo violento.

    Il Krakatoa è uno dei vulcani più pericolosi d’Indonesia

    Come abbiamo sottolineato in precedenza, tra i vulcani più pericolosi d’Indonesia c’è sicuramente il Krakatoa. Nelle scorse ore il vulcano è tornato ad eruttare, spaventando la popolazione locale che non può dimenticare quanto accaduto lo scorso 22 dicembre, quando –  successivamente alla sua eruzione – in Indonesia si è verificato un terremoto che a sua volta ha provocato uno tsunami capace di generare la morte di 426 persone.

  • Tra i vulcani più esplosivi in Indonesia c’è anche l’Agung

    Tra i vulcani più esplosivi d’Indonesia c’è anche l’Agung e questa sua caratteristica si deve a delle motivazioni ben precise. Queste ultime, infatti, sono strettamente legate al magma che caratterizza il vulcano. Stando a quanto si legge su “Focus.it”, il materiale magmatico dell’Agung si va a formare dopo la subduzione, vale a dire lo sprofondamento della placca australiana al di sotto di quella pacifica. In seguito alla fase della subduzione, si va a generare attrito e questo fa sì che le rocce della placca finiscano per fondere. Da questa fusione, poi, si va a formare un magma che risulta essere molto viscoso.

  • Eruzione Krakatoa: il video della forte esplosione

    Dunque, abbiamo sottolineato come tra i vulcani più violenti dell’Indonesia vi sia il Krakatoa, famoso per le violente esplosioni che si sono verificate nel corso del XIX secolo. Una forte eruzione si è verificata proprio in queste ore, generando grande preoccupazione tra la popolazione. Di seguito potrete vedere il video dell’eruzione, pubblicato da Rodrigo Contreras Lopez sulla pagina Facebook “Alerta Roja”.

  • Indonesia, il vulcano Agung: il video dell’eruzione

    Prima abbiamo citato anche il vulcano Agung e nelle scorse settimane si è registrata un’altra violenta esplosione dello stesso, con una nube di cenere che si è alzata in cielo, spaventando la popolazione. Di seguito potrete vedere il video dell’eruzione, pubblicato sull’account Youtube “RT en Espanol”.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.