Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 14 Ottobre
Scarica la nostra app

Scoperto nuovo complesso di vulcani sottomarini in Italia: uno è più grande del Vesuvio. Ecco dove e le dichiarazioni dell’Ingv

Complesso vulcanico sottomarino scoperto nel basso Tirreno. Ecco dove

Complesso vulcanico sottomarino, ecco dove. Foto:Wikipedia
1 di 4
  • Complesso vulcanico sottomarino

    Una nuova importante scoperta è stata effettuata dai ricercatori dell’Ingv. Un  nuovo complesso vulcanico scovato nei nostri mari e ancora una volta nel basso Tirreno. Come riportato da “ilmessaggero.it”, si tratta di uno dei più grandi complessi vulcanici sottomarini italiani che si è sviluppato nel periodo compreso tra 780.000 e 20.000 anni fa e oggi non più attivo. L’importante scoperta pubblicata sulla rivista Earth & Space Science News spiega che tale complesso è situato vicino le coste italiane meridionali, in particolare a quelle calabresi tirreniche.

    Tre montagne principali

    Questo complesso vulcanico è composto da tre montagne principali, chiamate Diamante, Enotrio e Ovidio, di cui quest’ultimo formato a sua volta da cinque vulcani, di cui uno un pò più grande del Vesuvio. Il tutto è ancora oggetto di studio, tra curiosità e stupore ed ovviamente il risultato si deve ai ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv).

    Complesso vulcanico diviso in 2 porzioni

    Come si legge sempre su “ilmessaggero.it”, l’enorme complesso scovato nelle acque del sud Italia, si divide in due parti. Come dichiarato da De Ritis , primo autore dell’articolo, abbiamo una parte occidentale, più distante dalla costa, dove gli edifici vulcanici hanno forme più irregolari e sono deformati da strutture tettoniche, poi abbiamo invece una parte orientale, più vicina alla costa, caratterizzata da edifici vulcanici più regolari e meno accidentati.

  • Fondale marino ricco di complessi vulcanici

    Tale ricerca e scoperta ha potuto confermare l’elevata complessità del nostro fondale marino e la ricchezza di complessi vulcanici sotterranei, in particolar modo nella zona del basso Tirreno. Come riportato da “focus”, lo scontro tra placca africana e quella europea ha dato origine a numerosi vulcani presenti nell’area del Tirreno meridionale. Da questo studio impariamo che l’Italia è piena di complessi vulcanici che mai sono emersi in superficie e questo complesso ne rappresenta soltanto l’ultima scoperta.

  • Area caratterizzata da corpi magmatici solidificati

    L’analisi di tutti i dati ha messo in evidenza la presenza di un’ampia area caratterizzata da numerosi corpi magmatici solidificati, a diverse profondità, che risalgono fino al fondale marino formando edifici vulcanici. Come sottolinea ancora De Ritis, “la nostra ricerca, getta nuova luce sull’esistenza di importanti complessi vulcanici sul fondale marino, a distanze dalla costa decisamente inferiori rispetto a quelle che si conoscevano prima”.

  • Seguiteci sulla nostra pagina

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia e soprattutto sul prossimo peggioramento in arrivo, sia sulla nostra pagina meteo che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo tra l’altro anche ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: