NanoPress

Stromboli, allarme per il drammatico aumento dell’attività vulcanica (VIDEO)

Pubblicato da Biagio Romano

Segnala
  • Lo Stromboli ora fa paura: drammaticamente aumentata l’attività vulcanica, vietate le escursioni oltre i 400 metri

    Stromboli, aumenta l'attività vulcanica

    Aumenta l’attività vulcanica dello Stromboli – Foto Corriere

    Stromboli, tra paura e spettacolo: alzato il livello di allerta

    Epifania tra spettacolo e paura per lo Stromboli. A partire dalla serata di sabato 5 gennaio 2019, infatti, l’attività vulcanica è drammaticamente aumentata: le bocche attive contemporaneamente nell’area del vertice sono numerose. In particolare, sta crescendo un nuovo cono di cenere con spruzzi di lava continue nel gruppo di prese d’aria Nord/Orientale. Sono diverse le esplosioni stromboliane con abbondante emissione di materiale vulcanico, anche fino a oltre 200 metri di altezza. Il livello di allerta, nei giorni scorsi, era stato innalzato allo stato di “pre-allarme”.

    Anche una scossa di terremoto nella notte

    Nella notte del 6 gennaio 2019, una scossa di terremoto di magnitudo 3.6 della scala Richter è stata registrata in mare, tra lo Stromboli e la Calabria. Il sisma, che ha avuto un ipocentro di 98 km, è stato avvertito in provincia di Vibo Valentia. Il sindaco Marco Giorgianni, stando a quanto riportato da Tempostretto.it, ha vietato le escursioni fino alla cima del cratere: i gruppi non potranno superare i 400 metri di altezza. L’attività è costantemente monitorata dalla sezione di Catania dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e dalla Protezione Civile. 

  • Eruzione Stromboli, il video

    Sul sito del Corriere della Sera è disponibile un video che mostra l’eruzione dello Stromboli in timelapse. Il filmato, registrato tra il pomeriggio e la serata di sabato 5 gennaio 2019, è visibile di seguito.

  • Stromboli, alcuni cenni sul vulcano

    Stromboli è un’isola italiana appartenente all’arcipelago delle isole Eolie in Sicilia. Il vulcano è alto 926 metri sopra il livello del mare e raggiunge una profondità tra i 1.300 e i 2.400 metri sotto il livello del mare. Le eruzioni, si legge sul sito dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sono molto frequenti e avvengono in media circa una ogni ora. Il periodo più lungo di inattività è durato oltre due anni e risale al secolo scorso. 

Biagio Romano
biagio.romano@centrometeoitaliano.it
https://www.facebook.com/biagioromano93

Classe '93, napoletano di nascita, interista di fede. Scrivo sul web da quando avevo 16 anni: prima per hobby, poi per lavoro. Curioso di natura, amo le sfide (soprattutto vincerle). Mi affascina il mondo dell'informazione e quello della comunicazione. Tra gli argomenti che seguo con maggiore interesse: tutto ciò che riguardala tv. Reality show, talent show senza tralasciare gossip e altri programmi vari. Seguo molto anche tutto ciò che riguarda la tecnologia e mi occupo di natura e scienza

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter