NanoPress

Terremoti distruttivi in Italia: la struggente lista di paesi fantasma completamente abbandonati

Pubblicato da Alessandro Allegrucci

In Italia molti centri abitati sono stati distrutti dai terremoti, diventando dei veri e propri "paesi fantasma"

Segnala
Terremoti distruttivi in Italia: la struggente lista di Paesi fantasma completamente abbandonati. Fonte foto: cronacaqui.it
  • Paesi fantasma a causa del terremoto e non solo

    In Italia vi sono molti paesi cosiddetti “fantasma”, molti dei quali – secondo quanto riportato da “Cronacaqui.it” – si trovano in questa situazione a causa di violente scosse di terremoto: pensiamo a quello del 1693 in Sicilia orientale. In quell’occasione sono stati abbandonati e rifatti altrove i paesi di Noto, Ragusa, Avola e Occhiolà, poi diventata Grammichele. Vi sono anche casi più recenti: ad esempio il terremoto in Liguria del 1887, con il paese di Bussana, dietro Sanremo, uscito semidistrutto, abbandonato e ricostruito 3 chilometri più a valle. Le valli piemontesi presentano molte borgate divorate dalla vegetazione, abbandonate da secoli o decenni in quanto disagiate o, più semplicemente, perché la popolazione si è recata altrove in cerca di una vita migliore.

    I paesi abbandonati in Italia sono circa un migliaio

    Secondo quanto riporta l’ISTAT, in Italia i paesi abbandonati sono circa un migliaio. Se poi andiamo a contare anche le frazioni, gli alpeggi e i piccoli agglomerati, il conto può arrivare addirittura a seimila. Si tratta di paesi molto belli, al punto che diversi imprenditori – secondo quanto si legge su “Cronacaqui.it” – hanno acquistato per cifre piuttosto contenute i più belli, per poi restaurarli. In generale, però, tale fenomeno riguarda poche decine di eccezioni, a fronte di migliaia di paesi diventati fantasma.

  • L’abbandono è un fenomeno che in Italia si è sempre verificato

    Stando a quanto riportato da “Cronacaqui.it”, l’abbandono in Italia è un fenomeno che si è sempre verificato. A questo punto, però, ci si pone una domanda tanto cruda, quanto legittima: fatti salvi i grandi centri come ad esempio Amatrice, Norcia e tanti altri – colpiti e devastati da forti terremoti – per quanto riguarda per quanto riguarda gli altri piccoli paesini e frazioni, vale la pena ricostruirli? Rispondere a questa domanda non è semplice, ma l’unica cosa che si può osservare è che in passato tale ricostruzione è stata realizzata.

  • Meteo domani 14 marzo 2019

Iscriviti alla nostra newsletter

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia ed un breve master. Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter