Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 2 Febbraio
Scarica la nostra app

Terremoto, scosse avvertite dalla popolazione ed anche un lieve boato: ecco quanto sta accadendo al meridione, dati Ingv

Scossa di terremoto avvertita nettamente a causa di un ipocentro estremamente superficiale. Trema zona sismica italiana, dati ufficiali dell'Ingv e zone colpite

Terremoto, scosse avvertite dalla popolazione ed anche un lieve boato: ecco quanto sta accadendo al meridione, dati Ingv
Serie di scosse avvertite dalla popolazione

Terremoto e lieve boato avvertito dalla popolazione

In questo editoriale ci soffermiamo sulle scosse di terremoto avvenute oggi in Italia e in particolare una registrata in zona altamente sismica. La terra nella giornata odierna, 26 gennaio 2022, ha tremato in alcune regioni italiane e i sismi sono stati ben avvertiti dalla popolazione seppur le scosse hanno avuto una magnitudo inferiore al terzo grado. In particolare, sono oltre 30 i sismi (tutti piuttosto lievi) registrati tra la nottata e la mattinata odierna in Campania, in corrispondenza dei Campi Flegrei mentre alle ore 11.44, un’altra scossa è stata ben avvertita dalla popolazione nel napoletano. Epicentro registrato proprio sul Vesuvio ad una profondità estremamente superficiale, inferiore a un km. Di seguito riportiamo i dettagli e anche i dati registrati dall’INGV. Leggi anche: Scossa di terremoto al centro Italia, zone colpite e dati INGV

Terremoto nel napoletano, zone colpite

La scossa di terremoto avvenuta in mattinata ha avuto epicentro proprio sul Vesuvio e nonostante la magnitudo 2.3 è stata avvertita nettamente dalla popolazione. Tante le segnalazioni arrivate. Come riporta vesuviolive.it, non si rileva alcun danno né sussiste alcun motivo di allarme trattandosi di un fenomeno piuttosto comune. La scossa segue lo sciame sismico già rilevato in corrispondenza dei Campi Flegrei come detto in precedenza. Si tratta di scosse legate al fenomeno del bradisismo, in un periodico abbassamento o innalzamento del livello del suolo, relativamente lento sulla scala dei tempi umani ma molto veloce rispetto ai tempi geologici. Di seguito vediamo i dati registrati dall’INGV relativi alla scossa avvenuta nel napoletano. Leggi anche: Scossa di terremoto nell’appennino centrale: zone colpite e dati INGV

Dati ufficiali dell’INGV

Il terremoto è stato localizzato a 6 Km a E di Portici (55274 abitanti), 6 Km a NE di Torre del Greco (86275 abitanti), 7 Km a E di Ercolano (53709 abitanti), 11 Km a NW di Scafati (50787 abitanti), 14 Km a N di Castellammare di Stabia (66466 abitanti), 15 Km a SE di Acerra (59573 abitanti), 15 Km a E di Napoli (974074 abitanti), 15 Km a SE di Casoria (77642 abitanti), 15 Km a SE di Afragola (65057 abitanti), 22 Km a E di Marano di Napoli (59874 abitanti), 23 Km a SE di Giugliano in Campania (122974 abitanti), 26 Km a SE di Aversa (53047 abitanti), 27 Km a NW di Cava de’ Tirreni (53659 abitanti), 29 Km a E di Pozzuoli (81661 abitanti), 30 Km a S di Caserta (76326 abitanti), 32 Km a NW di Salerno (135261 abitanti), 33 Km a W di Avellino (54857 abitanti), 46 Km a SW di Benevento (60091 abitanti), 52 Km a W di Battipaglia (50786 abitanti). Nella prossima pagina riportiamo invece le altre scosse principali avvenute in Italia nella giornata odierna. Leggi anche: Onde anomale travolgono la zona costiera. Video impressionante dal Perù

CONTINUA A LEGGERE

Le altre scosse in Italia nella giornata odierna

Nella giornata odierna ci sono state altre 4 scosse avvertite dalla popolazione in Italia seppur in modo lieve. Sisma M 2.2 questa notte a 2 km a sudest di Norcia (PG). Doppia scossa ravvicinata, alle 3.15 e 3.16 di questa notte nel maceratese, Cingoli, con una M di 2.1 e 2.3. Nel corso della mattinata odierna invece, poco prima del sisma sul Vesuvio, un’altra debole scossa è stata registrata nel foggiano (M 2.3), avvertita soprattutto a Carpino e Monte Sant’Angelo (FG).

 

Restate aggiornati sempre sulla nostra pagina

Come sempre per tutti gli altri dettagli potete seguirci all’interno della nostra pagina ‘’Terremoti in Italia e nel Mondo’, dove è possibile consultare costantemente in diretta l’andamento della sismicità sia nel territorio italiano ma anche in quello mondiale.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. La mia più grande passione resta da sempre la meteorologia, approfondita attraverso la tesi di laurea sperimentale e un master di "Meteorologia Nautica". I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia