Giovedì 18 Luglio
Scarica la nostra app

Violentissimo terremoto nell’Oceano Pacifico: tremano i sismografi di tutto il mondo. Epicentro al largo delle Isole Kermadec

Questa mattina l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una violenta scossa di terremoto di magnitudo 6.3 al largo delle Isole Kermadec

Tre sismi avvertiti nettamente in molte zone dell'Islanda
  • Violento terremoto di magnitudo 6.3 al largo della Isole Kermadec

    Nella mattinata di oggi, alle 08:02 (ore italiane), l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una nuova violenta scossa di terremoto di magnitudo 6.3 in mare, al largo delle Isole Kermadec, arcipelago che fa capo alla Nuova Zelanda situato tra l’Isola maggiore e l’arcipelago di Tonga, con ipocentro a 13 chilometri di profondità.

    Ieri violento terremoto di magnitudo 7.2 al largo delle Isole Kermadec

    Nella notte di ieri, domenica 16 giugno 2019, un’altra violenta scossa di terremoto ha colpito alle 00:54 (ore italiane) le Isole Kermadec. Secondo quanto riportato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia il sisma era stato di magnitudo 7.2, con ipocentro a 67 chilometri di profondità. Poco prima, esattamente alle ore 23;56, un terremoto di magnitudo 6.1 aveva colpito l’Isola di Tonga, con ipocentro a 10 chilometri di profondità.

    Terremoto, in mattinata scossa di magnitudo 6.5 in Nuova Zelanda

    Ieri mattina, inoltre, alle ore 07:17 italiane, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato un’altra violenta scossa di terremoto, di magnitudo 6.5, questa volta in Nuova Zelanda, con epicentro in mare ed ipocentro a 10 chilometri di profondità.

  • Terremoto, all’alba doppia scossa avvertita in Toscana

    Passando a trattare la situazione sismica relativa all’Italia, va sottolineato come questa mattina, alle 07:41 e alle 08:04, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia abbia registrato una doppia scossa di terremoto in Toscana, in provincia di Siena. La prima, di magnitudo 2.6, si è verificata a Cetona, con ipocentro a 8 chilometri di profondità. La seconda scossa, invece, di magnitudo 2.5, si è verificata a San Casciano dei Bagni, con ipocentro a 11 chilometri di profondità.

    Terremoto, nella notte scossa registrata nelle Marche

    Nella notte, alle ore 03:25, si è verificata una scossa di terremoto di magnitudo 2.3 nelle Marche, a Pesaro, in provincia di Pesaro Urbino, con ipocentro a 37 chilometri di profondità. L’evento sismico è stato localizzato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia a 5 chilometri a sud-est di Pesaro, a 7 chilometri a nord-ovest di Fano, a 37 chilometri a sud-est di Rimini e a 54 chilometri a nord-ovest di Ancona.

  • Terremoto, nella notte scossa registrata ad Enna

    Stanotte, alle ore 01:14, si è verificata anche una scossa di terremoto di magnitudo 2.4 a Piazza Armerina, in provincia di Enna, con ipocentro a 43 chilometri di profondità. L’evento sismico è stato localizzato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia a 30 chilometri a sud-est di Caltanissetta, a 34 chilometri a nord di Gela, a 49 chilometri a nord-ovest di Vittoria e a 59 chilometri a nord-ovest di Ragusa.

  • Le forti scosse di terremoto registrate nel mondo

    Per quanto concerne la situazione sismica mondiale relativa alla giornata di oggi, lunedì 17 giugno 2019, come sottolineato in precedenza c’è da segnalare una scossa di terremoto di magnitudo 6.3 al largo delle Isole Kermadec. Nel corso delle prossime ore vi saranno aggiornamenti sulle scosse registrate in Italia e all’estero.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: