NanoPress

Vulcano Agung: nuova eruzione in Indonesia

Pubblicato da Alessandro Allegrucci

Segnala

Vulcano Agung: continua a mantenersi elevato il rischio eruzioni

Il vulcano indonesiano torna in attività. Fonte: it.businessinsider.com

Vulcano Agung: improvvisa esplosione sul finire del 2018

Torna a far parlare di se il vulcano dell’Indonesia che sembra essere tornato in attività. Nella giornata del 30 ottobre infatti un’improvvisa esplosione dalla durata di oltre 3 minuti ha fatto tornare la preoccupazione in questa zona indonesiana. Il monte Agung è uno strato-vulcano attivo dell’isola di Bali, in Indonesia, di cui nei rappresenta il punto più elevato, arrivando ad un’altezza superiore ai 3000 metri.

Indonesian Volcanological Survey

L’Indonesian Volcanological Survey ha affermato che, in base ai diversi dati satellitari, una colonna di cenere si è sollevata in aria fino a raggiungere un’altezza superiore ai 5 km per poi spostarsi gradualmente da nord-ovest verso sud-est. Cenere sarebbe caduta anche nella zone vicine al monte, soprattutto tra Karangasem, Amlapura City e in altri villaggi come Seraya Barat, Seraya Tengah e Tenggalinggah Village. Secondo gli esperti, prima di questa eruzione non erano stati osservati particolari segnali del vulcano e il 30 dicembre è stata una sorpresa inaspettata, seguita poi da altra fuoriuscita di cenere (Fonte: VolcanoDiscovery).

Ultima eruzione a luglio 2018

L’eruzione di domenica avviene dopo quella catastrofica del Monte Anak Krakatau, l’isola vulcanica nello stretto di Sunda, che dopo essere esploso è anche collassato determinando un movimento sottomarino che è stato responsabile del tremendo tsunami che ha provocato oltre 400 vittime. Il vulcano Agung ha eruttato sul finale 2018 dopo qualche mese di pausa, infatti l’ultima sua eruzione risaliva a luglio del 2018 ma anche in passato questo monte ha fatto spesso parlare di se ed è stato responsabile di vittime, feriti ed evacuazioni.

Agung sorvegliato speciale

Secondo l‘Indonesian Volcanological Survey, sulla base dell’analisi complessiva dei dati a disposizione, la possibilità di un’eruzione ancora più forte o addirittura devastante resta bassa, però nelle ultime ore è cresciuto il timore per una nuova eruzione. L’Ufficio nazionale per la gestione dei disastri avverte che il magma si riverserà lungo le pendici del vulcano nel corso dei prossimi giorni e sconsiglia di avvicinarsi troppo all’area (Fonte: VolcanoDiscovery).

Eruzione storica del 1963

Infatti l’eruzione più potente che si ricordi e che molti hanno ancora impressa nella mente è stata quella del 1963. L’eruzione del 1963 del vulcano Agung causò circa 1.600 morti e moltissimi evacuati. Le ceneri arrivarono fino a Giacarta, ad una distanza di circa 1000 km, sospinte dai venti favorevoli.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia ed un breve master. Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter