Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 19 Marzo
Scarica la nostra app

Gli scienziati hanno identificato il posto migliore in cui la vita è esistita in passato su Marte

Gli scienziati hanno identificato il posto migliore in cui la vita è esistita in passato su Marte. Lo studio

Gli scienziati hanno identificato il posto migliore in cui la vita è esistita in passato su Marte
Gli scienziati hanno identificato il posto migliore in cui la vita è esistita in passato su Marte (Foto Pixabay)
1 di 3
  • Gli scienziati hanno identificato il posto migliore in cui la vita è esistita in passato su Marte

    La superficie di Marte è attualmente una terra desolata inospitale. Solo i diavoli della polvere vagano per la sua superficie arida; l’unica acqua è il ghiaccio permanente. Tuttavia, le prove che l’acqua una volta scorreva e si accumulava sulla superficie del pianeta continuano a crescere. La presenza di quest’acqua liquida significa che Marte avrebbe potuto sostenere la vita come la conosciamo. Una nuova ricerca ha scoperto che il calore geotermico avrebbe potuto salire dalle profondità del pianeta, nel qual caso il posto migliore in cui la vita avrebbe prosperato sarebbe stato nel sottosuolo, come riporta sciencealert.com. Leggi anche: Individuati elementi essenziali per la vita all’interno di una cometa

    La scoperta

    Anche se i gas serra come l’anidride carbonica e il vapore acqueo vengono pompati nella prima atmosfera marziana nelle simulazioni al computer, i modelli climatici ancora lottano per supportare un Marte caldo e umido a lungo termine“, ha detto lo scienziato planetario Lujendra Ojha della Rutgers University-New Brunswick. Il debole paradosso del giovane Sole è la contraddizione tra la presenza di acqua liquida nel primo Sistema Solare e la debolezza del Sole. Secondo laa comprensione dell’evoluzione stellare, circa un miliardo di anni dopo la sua formazione, 4,6 miliardi di anni fa, il calore e la luce del Sole sarebbero stati solo circa il 70% della sua produzione. DA NON PERDERE Meteorite attraversa i cieli del Canada: VIDEOattuale.

    Com’è Marte oggi

    Anche oggi Marte è un luogo gelido. È 1,5 volte la distanza della Terra dal Sole e riceve solo circa il 43% del flusso solare che riceve dalla Terra. La sua temperatura media è quindi molto inferiore a quella terrestre – -63 gradi Celsius (-81 gradi Fahrenheit). Ovviamente questa è solo la media; la temperatura sale al di sopra del punto di fusione dell’acqua, a circa 30 gradi Celsius (anche se, poiché la pressione atmosferica su Marte è attualmente così bassa, il ghiaccio sublima piuttosto che sciogliersi). Durante il periodo noachiano su Marte, tra circa 4,1 e 3,7 miliardi di anni fa, si pensa che l’acqua fosse abbondante sulla superficie del pianeta, ma i modelli climatici faticano a raggiungere temperature superiori a -0,15 gradi Celsius. Leggi anche: Geminidi, le stelle cadenti di dicembre: ecco quando e come osservarle

    CONTINUA A LEGGERE

  • Il riscaldamento interno

    La possibilità che il pianeta si riscaldi dall’interno, mantenendo le acque sotterranee liquide a lungo termine, non è una nozione nuova. I minerali idrotermali scavati dal sottosuolo profondo dagli impatti delle comete, le argille dell’era noachiana e le prove della diagenesi delle acque sotterranee in un certo numero di siti supportano modelli di riscaldamento interno. Qui sulla Terra, vediamo gli effetti del riscaldamento geotermico sotto le calotte glaciali alle alte latitudini. Il decadimento radioattivo di elementi come uranio, potassio e torio nella crosta del pianeta genera calore che si propaga fino alla superficie; non molto, ma quando c’è una spessa lastra di ghiaccio che impedisce al calore di fuoriuscire, può essere intrappolato abbastanza calore per sciogliere parte di quel ghiaccio, creando laghi subglaciali.

  • L’ipotesi dei ricercatori

    È ancora possibile che la superficie di Marte sia stata calda e umida per un po ‘, ma quel clima, hanno detto i ricercatori, non sarebbe stato stabile a lungo termine. Marte ha perso il suo campo magnetico abbastanza presto nella sua storia, intorno al Noachiano, e una volta che il campo magnetico se ne fosse andato, l’atmosfera densa e simile alla Terra non sarebbe durata a lungo. Solo a grandi profondità, mantenute liquide dal riscaldamento geotermico, l’acqua avrebbe potuto essere stabile a lungo termine, ha detto il ricercatore. Se ci fosse vita in superficie, potrebbe aver seguito l’acqua verso l’interno.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da anni notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia