GLOBAL WARMING: al via in Polonia, a Katowice, la 24esima Conferenza delle Parti

Pubblicato da Martina Rampoldi

Segnala
  • COP24 al via in Polonia, a Katowice: quasi 200 i paesi rappresentati per discutere delle misure per contenere il global warming.

    La 24esima Conferenza delle Parti organizzata dall’ONU è al via in Polonia a Katowice: i rappresentanti di quasi 200 paesi chiamati a decidere misure importanti per limitare il global warming. Fonte: un.org

    Riscaldamento globale: ultima chiamata per la Terra

    Sono passati ormai tre anni dallo storico accordo sul clima stipulato a Parigi in occasione della COP21, la 21esima “Conferenza delle Parti” dell’UNFCCC, ovvero la United Nations Framework Convention on Climate Change organizzato dall’ONU. Da allora sono stati numerosi gli interventi volti alla salvaguardia della Terra, con l’obbiettivo dichiarato di mantenere il riscaldamento globale entro +1.5°C rispetto all’era pre industriale. Purtroppo, come ricordato anche dal segretario generale delle Nazioni Unite all’apertura del nuovo vertice, il global warming è più veloce di noi ed è quindi necessaria una completa trasformazione dell’economia energetica mondiale. E’ un’ultima chiamata per la Terra, con i rappresentanti di quasi 200 paesi che proprio ieri si sono riuniti in Polonia, a Katowice, per la COP24, la 24esima Conferenza delle Parti promossa dall’ONU per discutere del global warming e delle azioni per poterlo contenere.

    COP24: è la 24esima conferenza mondiale sul clima

    La prima conferenza mondiale del clima ha avuto luogo nel lontano 1992 ed il risultato fu un accordo volto già allora a stabilizzare la concentrazione di gas serra in atmosfera, al fine di prevenire rischiose interferenze antropogeniche con il sistema climatico mondiale. Da qui poi nacque l’UNFCCC, nel 1994, la quale ora conta tra i suoi membri la quasi totalità dei paesi mondiali, con 195 rappresentanze: questa organizza da allora una annuale conferenza delle parti (COP) il cui obbiettivo principale è la revisione dei piani per la riduzione nell’emissione degli inquinanti in particolare per salvaguardare il sistema climatico della Terra. La COP1, la prima conferenza mondiale sul clima, si tenne nel 1995 a Berlino e da allora ogni anno città diverse hanno accolto questa conferenza climatica fino a Katowice, che quest’anno ospita la 24esima COP.

  • Il tempo sta per finire: entro 20 anni possibili conseguenze irreversibili

    Il passo indietro degli Stati Uniti di Trump dagli accordi di Parigi è stato un duro colpo per la lotta al global warming e desta anche scalpore la dichiarazione del primo ministro polacco, paese ospitante del COP24, che ha dichiarato che la Polonia non è disposta a rinunciare al carbone. Secondo le ultime stime, restano solamente 20 anni per non incappare in conseguenze irreversibili per quello che riguarda il riscaldamento globale e dunque sono necessarie misure più drastiche. Pochi mesi fa il report dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change, Gruppo Intergovernativo sul Cambiamento Climatico) ha illustrato 4 possibili strade per poter limitare la crescita della temperatura sul nostro Pianeta, limitando dunque il global warming: in tutti gli scenari è fondamentale la riduzione dei gas serra di origine antropica mediante il taglio delle emissioni e alla rimozione della CO2. I lavori al vertice di Katowice dureranno per le prossime due settimane, quindi seguite tutti i prossimi aggiornamenti.

Iscriviti alla nostra newsletter

Martina Rampoldi

Fin da quando ero piccola sono sempre stata attratta dalle previsioni del tempo e da tutti gli eventi atmosferici. Nata e cresciuta a Milano, mi sono laureata in Fisica dopo la maturità scientifica e successivamente ho conseguito il Master in Meteorologia presso l'Universitat de Barcelona. Nel 2014 ho raggiunto Roma entrando a far parte del team del centrometeoitaliano.it come meteorologa. Principalmente mi occupo di previsioni meteo e della stesura dei bollettini, insieme ai comunicati per varie stazioni radio e ai video di divulgazione. Amante del freddo e della neve e di tutto ciò che riguarda la montagna, affascinata da uragani e tornado.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter