Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 13 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ATTENZIONE, un AFFONDO POLARE sta per impattare l’ITALIA con forti NEVICATE a QUOTE MEDIO-BASSE, ecco quando

METEO - Un AFFONDO POLARE sta per abbattersi sull'ITALIA, arriva il forte MALTEMPO e NEVE ABBONDANTE a QUOTE MEDIO-BASSE, ecco quando e dove

Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 4
  • L’Anticiclone domina lo scenario del Mediterraneo da almeno un paio di settimane

    L’Alta pressione di origine azzorriana condiziona ormai da almeno un paio di settimane il clima italiano estendendosi dalle Isole delle Azzorre ed avvolgendo la nostra Penisola e non solo, anche gran parte delle aree centro-occidentali del vecchio continente. Le condizioni meteo ormai fin dagli inizi di questo 2020 appaiono dunque generalmente stabili con tempo asciutto. Le temperature nonostante ciò non vanno molto oltre la media del periodo, aggirandosi anzi intorno ad essa nei valori minimi grazie al fenomeno dell’inversione termica.

    L’Alta pressione sta però per subire un duro colpo

    Il vasto campo anticiclonico che si è esteso dunque dalle Isole delle Azzorre si prepara ad affrontare nelle prossime ore un duro colpo apportato dalla discesa di una saccatura di origine nordatlantica in arrivo dai quadranti nordoccidentali. Tuttavia nella giornata odierna il tempo rimarrà asciutto e i cieli in prevalenza soleggiati o al più poco nuvolosi in Italia fino ad almeno la mezzanotte, con qualche disturbo più consistente sul versante tirrenico settentrionale.

    Un affondo polare mette l’Italia nel mirino

    Nelle prossime ore una saccatura di origine nordatlantica o polare marittima (che dir si voglia), metterà nel mirino il nostro Paese nella sua discesa dai quadranti nordoccidentali. Essa verrà dominata da un vasto centro di bassa pressione presente tra le Isole Britanniche e l’Islanda che conterà un minimo depressionario di circa 975hPa. La perturbazione che ne scaturirà sarà la prima in Italia dall’inizio di questo 2020, con maltempo e nevicate a quote medio-basse.

  • Neve in arrivo a quote medio-basse sulle regioni centro-settentrionali

    A partire dalle ultime ore di domani venerdì 17 e per le prime di sabato 18 gennaio nevicate anche di forte intensità interesseranno l’Appennino ligure a partire dai 500/600 metri. Successivamente il fronte di maltempo transiterebbe verso oriente colpendo l’Appennino Tosco-Emiliano e le prealpi venete al confine con il Trentino, dove la neve cadrà tra gli 800 e i 1000 metri dipendentemente dalle zone. Gli accumuli più elevati al momento sono previsti sulle prealpi venete, che potrebbero raggiungere i 40 centimetri localmente.

  • Qualche nevicata anche sull’Appennino centrale

    Qualche nevicata potrebbe interessare anche l’Appennino centrale soprattutto nella giornata di domenica 19 gennaio grazie agli effetti del fenomeno dell’Adriatic Snow Effect (spesso acronimizzato con “ASE”) che colpirebbero quindi soprattutto la sponda abruzzese. Gli accumuli tuttavia risulteranno generalmente deboli e solo puntualmente moderati. La quota neve dovrebbe attestarsi qui intorno ai 700/800 metri, mentre più bassa potrebbe risultare sui settori dei Simbruini.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e poi nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: